The Travelling Foodie Tour! Nemi… light French toast and strawberries


French toast light senza lattosio con fragole

The splendid town of Nemi lies in an area that is the regional park of the Castelli Romani, at 521 metres above sea level.  It is an Italian district of about 2000 inhabitants and it is the smallest of the Castelli Romani districts.  The Castelli Romani is a volcanic area not far from Rome, and its name originated in the 14th century when the inhabitants of Rome used to escape from the city’s economic and political difficulties and take refuge in the castles of the feudal roman land owners of that time:  the Savellis in the towns of Albano, Castel Savello, Ariccia, Castel Gandolfo and Rocca Priora;  the Annibaldis in the towns of Molara, Monte Compatri and Rocca di Papa; the Colonnas in the towns of Monte Porzio Catone, Nemi, Genzano and Civita Lavinia; and the Orsinis in Marino. 

Nemi was very much appreciated by the ancient Romans who used it as a vacation place and it is historically very important, a fact which is confirmed by the many archaeological findings.  It gets its name from Nemus Dianae which means sacred woods, an area not far from the town in which a place of worship is dedicated to the goddess Diana.  This lovely town, however, is very famous for the wild strawberry farming.  These are much smaller and much sweeter than regular strawberries and are cultivate on the shores of Nemi’s lake, Lago di Nemi.  Every year in June one can delight the eyes and the palate at the strawberry festival, when the town’s streets are lined with shops and stalls that sell all types of delicacies… cured meats, bread, wine… but the place of honour is for the little strawberries which are sold fresh, jarred as jams, syrups, ice cream, liquors and also accompanied by homemade pizza.  During the celebrations, the local cafés and restaurants prepare many dishes to be enjoyed by their customers, delightfully made with strawberries.

From the historical centre of the town one can admire the small, beautiful, volcanic lake below, that is 316 metres above sea level.  It is about 1,67 square kilometres and is 33 metres at its deepest point.  One can enjoy swimming and sunbathing on its shores, except in the area near the Museo delle Navi Romane (museum of Roman ships).  This is the famous area where two fabulous examples of ancient Roman ships were found.  The museum was built to hold and protect them, and it did until the fire of 1944.  The legend that surrounds the ships says they were grandiose and contained precious treasures.  This legend grew over the centuries thanks to the findings of artefacts, wood, nails, sheets of lead and copper shingles.  They were about 70 metres long, about 25 metres wide, lavishly decorated and built on request of Caligola who used them as floating palaces for ceremonies.  When he died in 41 A.D., his bitter political enemies wanted to erase all traces of him and had the ships sunk to the bottom of the lake.

The first attempts that were made to recuperate them were requested by Cardinal Colonna, lord of Nemi and Genzano, towards the middle of the 15th century.  They used a large raft and expert swimmers who were able to bring ashore lead pipes which helped set a more precise date to the ships. In 1535 Francesco De Marchi, an architect from Bologna, attempted to get closer to the ships using special equipment and managed to bring ashore more findings besides surveying the area, the results of which he published in his essay Della Architettura Militare.  Many more attempts were made over the years but the actual recovery of the ships was made in the 20s by request of Mussolini.  It was a very grandiose undertaking that lasted almost five years, and was made possible thanks to Engineer Guido Ucelli and other businessmen who offered the Italian Government the means and labour force necessary to carry out the operation. The Museo delle Navi Romane was built and inaugurated around 1940 to hold the weapons, coins, decorations and tools that were found together with the two imperial ships.  Unfortunately, a fire almost completely destroyed all this during the night of May 31st 1944 and an investigative committee of Italian and foreign experts was established who, after much research of that night’s events, concluded that it was most probably a case of arson.  The causes are still controversial today… it was said that it was caused by the German soldiers who had taken refuge in the museum and who had positioned a cannon battery not far from the building. 

Today the museum stores the photos and publications of the marvelous archaelogical testimony that remain unique in their kind.  It also holds materials and documents regarding the recovery operation, and findings from the excavation sites of the shrine of Diana Nemorense and the sites in Ardea.

To this pearl of the Castelli Romani we dedicate our strawberry flavoured, lactose-free, light French toast.

Ingredients for 2 people:

Two slices of naturally-leavened homemade bread

1 egg

100 ml of vanilla-flavoured soy milk

Agave syrup or honey

Strawberries

We beat the egg in a small bowl, add the milk and dip the bread in it on both sides.  We leave the bread in the bowl while we lightly grease a pan and heat it well on a low flame.  We cook the bread on both sides until golden, then we place them in a plate, add as many strawberries as we like, then add a dash of syrup or honey.  It’s a breakfast favourite that satisfies without having the calories of the traditional recipe.  Besides, it’s a delight for the eyes, not only the palate! 🙂

******************************************************************

La splendida cittadina di Nemi si trova nel perimetro del Parco regionale dei Castelli Romani, a 521 metri sul livello del mare.  E’ un comune italiano di circa 2000 abitanti ed è il più piccolo dei Castelli Romani, un insieme di cittadine a breve distanza da Roma, in un’area di natura vulcanica. Il nome Castelli Romani risale al 14°secolo quando molti abitanti di Roma, per sfuggire alle difficoltà economiche e politiche del periodo, si rifugiavano nei castelli delle famiglie feudali romane:  dai Savelli, nelle cittadine di Albano, Castel Savello, Ariccia, Castel Gandolfo e Rocca Priora; dagli Annibaldi, nelle cittadine di Molara, Monte Compatri e Rocca di Papa; dai Colonna, nelle cittadine di Monte Porzio Catone, Nemi, Genzano e Civita Lavinia; e dagli Orsini a Marino. 

Nemi era molto apprezzata ai tempi degli antichi Romani, che ci andavano in villeggiatura, ed è un’area di grande importanza storica, lo confermano i numerosi ritrovamenti archeologici.  Nemi prende il suo nome dal Nemus Dianae che significa bosco sacro dedicato alla dea, infatti, non lontano dalla cittadina, nella zona boscosa, si trovava un luogo di culto dedicato alla dea Diana.  Questa bella cittadina è molto nota per la coltivazione delle fragoline di bosco, più piccole delle normali fragole e più dolci, sulle sponde del Lago di Nemi.  Ogni anno a giugno si può deliziare sia il palato che gli occhi alla sagra delle fragole, quando il corso principale di Nemi diventa tutto un susseguirsi di negozi e bancarelle che vendono tante squisitezze… norcineria, pane, vino… ma il posto d’onore spetta soprattutto alla fragolina che viene venduta fresca, come marmellata, sciroppo, gelato, liquore e anche accompagnata alla pizza.  Durante questa manifestazione i ristoranti e i bar offrono tante preparazioni da gustare, tutte squisitamente a base di fragoline di bosco. 

Dal centro storico di Nemi si può ammirare il bellissimo Lago di Nemi, un piccolo lago vulcanico che si trova a 316 metri sul livello del mare.  Si estende per circa 1,67 kilometri quadrati, ha una profondità massima di 33 metri, ed è balneabile, tranne nella zona antistante il Museo delle Navi Romane.  E’ il celebre luogo del ritrovamento di due favolose antiche navi romane, di grandi dimensioni, che sono state conservate nel Museo fino alla loro distruzione nell’incendio del 1944.  La leggenda che le circonda dice che erano sfarzose, forse contenevano preziosi tesori, e nei secoli questo mito è andato crescendo grazie ai ritrovamenti occasionale di reperti come legname, chiodi, lastre di piombo e tegole di rame. Erano lunghe circa 70 metri, larghe intorno ai 25, splendidamente decorate, volute da Caligola che le usava come palazzi galleggianti per cerimonie. Quando morì nel 41 dopo Cristo, i suoi acerrimi nemici politici vollero cancellare ogni suo ricordo, quindi le fecero distruggere affondandole sul fondo del lago.

I primi tentativi di recupero furono volute dal Cardinale Colonna, signore di Nemi e Genzano, intorno alla metà del 15° secolo.  Usarono una grande zattera ed esperti nuotatori, e recuperarono dei tubi di piombo che aiutarono a capire più precisamente quale fosse la datazione delle navi.  Nel 1535, invece, l’architetto bolognese, Francesco De Marchi fece un tentativo avvalendosi di una speciale attrezzatura.  Portò in superficie reperti, fece rilievi e osservazioni poi riportati nel suo trattato Della Architettura Militare.  Tanti altri tentativi furono fatti negli anni, ma il recupero vero e proprio delle navi avvenne negli anni 20 per volere di Mussolini.  Fu un impresa grandiosa, che durò quasi cinque anni, resa possibile dall’Ingegnere Guido Ucelli ed altri imprenditori che offrirono al Governo Italiano i mezzi e la mano d’opera per eseguire l’operazione.  Furono trovate armi, monete, decorazioni e attrezzi, e furono custodite nel Museo delle Navi Romane, che fu creato per ospitare le due navi imperiali, inaugurato intorno al 1940.  Purtroppo un incendio scoppiato durante la notte del 31 maggio del 1944 le distrusse completamente insieme a molti reperti.  Fu istituita una commissione d’inchiesta nella quale parteciparono esperti italiani e stranieri, e dopo che furono ascoltati custodi e testimoni diretti degli avvenimenti, si concluse che con ogni probabilità l’origine dell’incendio fu doloso.  Le cause sono ancora oggi controverse… si disse che fu opera dei soldati tedeschi, che si erano sistemati dentro al Museo, i quali avevano posizionato una batteria di cannoni nei pressi dell’edificio. 

Oggi nel Museo restano foto e pubblicazioni in ricordo di quelle meravigliose testimonianze archeologiche, uniche nel loro genere, materiali e documentazione relativa alle imprese per il recupero, e reperti provenienti dagli scavi al santuario di Diana Nemorense, e dagli scavi di Ardea

Ad una delle perle dei Castelli Romani vogliamo dedicare il nostro French toast light senza lattosio alle fragole.

Ingredienti per 2 persone:

Due fette di pane a lievitazione naturale

1 uovo

100 ml di latte di soya alla vaniglia

Sciroppo di agave o miele

Fragole a piacere

In una terrina sbattiamo l’uovo, aggiungiamo il latte e passiamo le fette di pane in questa pastella, prima da una parte e poi dall’altra.  Le lasciamo così, giusto il tempo di preparare un padellino, ungerlo con poco olio e scaldarlo per bene sul fuoco.  Cuociamo il pane da entrambi i lati, fino a doratura.  Terminata la cottura, mettiamo le fette di pane in un piatto, aggiungiamo la quantità di fragole che vogliamo, e versiamo sopra una piccola quantità di agave o miele.  E’ una colazione sempre gradita, che da soddisfazione senza appesantirci con le calorie della ricetta tradizionale.  In più è una delizia per gli occhi, non solo per il palato! 🙂

 

 

 

Buon Natale con il… Gugelhupf! Merry Christmas with the… Gugelhupf!


Gugelhupf (2)

Salve amici!  Il Natale è alle porte e noi di Emozioni Culinarie vogliamo farvi tanti dolci auguri per un sereno e felice Natale.  Vi proponiamo il Gugelhupf, chiamato anche Kugelhupf, della nostra cara amica Mara di FettePerfette.  E’ un dolce lievitato dei paesi germanici che si prepara soprattutto nel periodo natalizio.

Ingredienti:
300 gr di farina manitoba
150 gr di burro
75 gr di zucchero
10 gr di lievito di birra
50 gr di latte
75 gr di acqua
2 uova intere
2 tuorli
50 gr tra uvetta rinvenuta in un po’ di rhum, arancia e cedro candito
Scorza grattugiata di un’arancia
1 cucchiaino di miele o di malto, un pizzico di sale
Zucchero a velo

Procedimento:
In una ciotola versiamo l’acqua e sciogliamo il lievito, poi aggiungiamo il miele e versiamo il contenuto in un’altra ciotola con la farina. Mescoliamo, copriamo con la pellicola e lasciamo lievitare per circa un’ora. Quando il composto ha lievitato, lo versiamo nella ciotola della planetaria, con il gancio a foglia, a bassa velocità, e aggiungiamo pian piano gli albumi, la farina restante, il latte e il sale alla fine.  Aumentiamo un po’ la velocità e impastiamo per circa 10 minuti, poi aggiungiamo i tuorli uno ad uno facendo attenzione a non aggiungere il successivo prima che il primo non sia ben assorbito. Lentamente poi aggiungiamo lo zucchero.  Una volta che l’impasto è ben incordato, cambiamo il gancio inserendo quello a uncino. A bassa velocità incorporiamo il burro poco alla volta, poi la buccia d’arancia grattugiata.  Se l’impasto fatica ad incordare, possiamo aiutarci con un solo cucchiaio di farina.  La ricetta originale prevede i canditi ma noi amiamo di più l’uvetta, quindi ne abbiamo utilizzato circa 150 grammi.  Una volta terminato l’impasto, lo mettiamo in una ciotola ben coperto, lasciandolo a temperatura ambiente per circa un’ora, poi lo mettiamo in frigo per tutta la notte. Al mattino successivo lo tiriamo fuori, lo rovesciamo su un piano di lavoro e diamo un giro di pieghe.  Lo poniamo nello stampo e lo lasciamo lievitare fino a quando raggiungerà il bordo. Una volta lievitato, lo inforniamo a 180° per circa 30 minuti . Aspettiamo che si sia raffreddato per toglierlo dallo stampo, e lo mettiamo su un piatto da portata e lo cospargiamo di abbondante zucchero a velo vanigliato!  E’un lievitato soffice e aromatico che da tanta soddisfazione nella preparazione e che è una gioia da portare in tavola e gustare in ogni momento delle giornate di festa!  BUON NATALE! 🙂

Gugelhupf (1)

*********************************************************

Hello friends!  Christmas is near and your friends from Emozioni Culinarie/Culinary Emotions want to wish you a sweet and happy Christmas.  We offer you the Gugelhupf, also called the Kugelhupf, from our dear friend Mara of Fette Perfette.  It’s a Christmas cake made in the Germanic countries during the holiday season.

Ingredients:
300 gr of manitoba flour
150 gr of butter
75 gr of sugar
10 gr of bread yeast
50 gr of milk
75 gr of water
2 eggs
2 egg yolks
50 gr of raisins soaked in rhum, and candied fruit
Grated orange peel
1 tsp of honey or malt, a dash of salt
Powdered sugar

How to make it:
Put some water in a bowl and dilute the bread yeast, add the honey then add all this to a bowl in which you’ve put the flour.  Mix and cover with plastic wrap and leave it to rise for about one hour.  When it has risen, pour it in a planetary or dough mixer and mix on a low speed while slowly adding the egg whites, the remaining flour, the milk and the salt.  Increase the speed of the mixer and mix for about 10 minutes, then add the egg yolks one at a time, making sure each egg is mixed before you put the other one in. Slowly add in the sugar.  Once the dough is well mixed, use the hook-shaped utensil of your mixer and slowly mix in the butter a bit at a time, then the grated orange peel. If necessary add a tablespoon of flour.  Since the original recipe calls for candied fruit, add it in now, but we prefer to use lots of raisins so we actually added 150 grams of raisins.  Once the dough is ready, we put it in a bowl, cover it with plastic wrap and leave it at room temperature for about one hour, then we put it in the fridge for the night.  The next morning we take it out, put it on our work table and knead it.  We place it in our baking pan and leave it to rise until it reaches the top of the pan.  When it has risen, we place it in the oven at 180° for about 30 minutes.  We wait for it to cool before we take it out of the baking pan then we place it on a pretty tray, and sprinkle lots of powdered sugar on it!  It’s a soft and aromatic dessert that is such a joy to make but also to share with friends every moment of the holiday season!  Merry Christmas! 🙂

http://fetteperfette.com/2015/12/06/gugelhupf/