Caffebook.it – Storie culinarie: Sliced bread :-) Culinary stories: Sliced bread


Sliced bread

Il pane e le sue forme… Sliced bread!

Oggi concludiamo la nostra serie di articolo sul pane… il mese prossimo esploreremo il magico mondo del pranzo! Pranzavano gli antichi? Come si è evoluto il pranzo dagli antichi Romani fino ad oggi?  Lo sapremo nei prossimi articoli.

Perché si dice buono come il pane?

Forse perché non c’è nulla di più genuino, sincero e naturale del buon pane, specialmente quello fatto in casa… e quale profumo riesce a stordirci e scatenare immagini e ricordi più di quello del pane appena sfornato?

Le nostre narici vengono prese d’assalto da quest’aroma inebriante, ci viene l’acquolina in bocca e si scatenano sensazioni in ognuno di noi.

Magari non tutti hanno nei loro ricordi d’infanzia il rituale del fare il pane in casa…

qualcuno di sicuro ha avuto la fortuna di viversi quei magici momenti in cui le donne di casa si riunivano intorno ad un tavolo per impastare insieme. 

Non era un compito gravoso o noioso perché era vissuto con grande gioia.  Era un momento di condivisione e una festa dove si celebrava la vita, a iniziare dal lievito madre che si curava come un bambino, con tanto amore.  

Con tre semplici ingredienti, la farina, l’acqua e il lievito, si crea un’alchimia di forme, sapori, profumi e gusti. 

Solo in Italia, per esempio, esistono una miriade di tipologie di pane, e le panetterie di oggi somigliano a delle boutique dove c’è l’imbarazzo della scelta, vista la varietà e moltitudine.  

Ci sono tipi e nomi di pane che rappresentano antiche tradizioni, eccone alcuni: 

Continua su questo link:

http://caffebook.it/tecnologia/item/612-il-pane-e-le-sue-forme-sliced-bread.html

*******************************************************************

Bread and it’s shapes… Sliced bread!

Today we end our articles on bread… next month we will begin to explore the magic world of lunch!  Did ancient civilizations eat lunch? How did the ritual of lunch evolve from the times of the ancient Romans to the present?  We will find out in our next articles.

There is an Italian saying “essere buono come il pane” which is similar to our English saying – to be as good as gold… why do they say that? Maybe because there is nothing more genuine, sincere and natural than good bread… especially homemade bread… and what aroma manages to stun us and unleash images and memories more than freshly-baked bread?  Our nostrils become filled with the inebriating smell, our mouths begin to water and we’re filled with pleasant sensations.

Not everyone has in their childhood memories the break-making ritual… some people surely were lucky enough to live those magic moments, when the women in the family gathered around the table to make bread together.  It wasn’t hard or boring work, it was considered a pleasure, a time of sharing, a celebration of life, starting with the natural yeast or the starter, which was always cared for and loved like a little baby.

With three simple ingredients, flour, water, and yeast, an alchemy of forms, flavours, scents and tastes can be created.  In Italy alone, for example, there are countless types of bread, and bakeries today look like designer stores where there is so much variety that it’s difficult to make an easy choice.  There are types and names of breads that represent old traditions, here are a few:  the brazadei, made with rye and produced in the Valtellina area in the region of Lombardia; the coppia ferrarese which is a crunchy bread made with a strong dough in the Romagna region; the pane di Matera which is a specialty of the Lucania region; the pane umbro di Terni which is well known even in other regions; the pane di Tramatza, a small town in the province of Oristano in Sardinia, which is a white bread shaped like a circle; the pane scuro di Marocca, named after the small town in the province of Massa-Carrara where it originated; the pane valdostano, made with rye; the Muffuletta, a sicilian bread made in the month of July in honour of the feast of Saint Calogero in Agrigento; the pane Munizione (ammunition bread) of the Vercelli area, which gets its name because it was the daily bread ration given to soldiers in the Napoleonic era; the pane di Genzano which is a specialty of the town with the same name located in the Castelli Romani of the Lazio region; the Piè Armesta which is one of the many types of piadine in the Romagna region;  the Puccia, a soft little round roll of the Puglia region, flavoured with olives;  the Biovone all’Alva’ made in the town of Savigliano in the area of Cuneo, traditionally made by farmers with natural yeast;  the rosetta (little rose), a typical bread of the Veneto region, which gets its name from its rose shape, made with flour, water, yeast, lard, oil, egg whites and sugar; then there are the many taralli, grissini and freselle known and produced all over Italy, which have a long conservation time, are crunchy and have a biscuit flavour.

A type of bread, though, that arrived in Italy from overseas is the sliced bread.   In 1928, an American engineer, Otto Frederick Rohwedder, invented a machine that produced, sliced and packaged bread.  This great news made the front pages of the local Missouri Chillicote Constitution-Tribune.  Later on, it was thanks to the multinational company Wonder Bread that this sliced bread gained popularity in 1930. It is widely used here in Italy too now, and we must admit it is extremely practical.  We all know how good simple things can be, and it’s really easy to prepare at home, we’ll explain how. 🙂

Ingredients:

250 grams of strong flour

250 grams of wheat flour

 10 grams of bread yeast

250 millilitres of milk or soy milk

2 tbsps of malt

50 millilitres of olive oil

1 tsp of salt

We mix the yeast in half a glass of water, we make a small crater in the flour and start making our dough, adding the milk slowly.  If you’re lactose intolerant you can use soy milk.  Halfway through, we add the sugar and finally the salt.  When the dough is almost ready, we add the oil and continue kneading until it is nice and smooth.  We put it in a bowl, cover it with plastic wrap, and leave it to rise until it has doubled in size.  Then we take the dough, we flatten it out with our hands, and shape it into a rectangle which we then roll and place in a buttered bread-baking pan.  We cover it with plastic wrap and leave it to rise again.  When it has doubled in size, we brush the top with milk and bake in a pre-heated oven at 180° for 45 minutes.  Once it is done, we leave it to cool really well, at least half a day, before we slice it… stuff it… and bite into it!

Caffebook.it – Storie Culinarie: le fette biscottate :-) Culinary Stories: double-toasted bread


Benvenuti al quarto appuntamento con le nostre storie culinarie.

Abbiamo parlato della merenda e della colazione degli italiani, e oggi vi proponiamo le fette biscottate, quelle fette di pane di forma quadrata cotte due volte in forno, come dice appunto il suo nome.  Non sono né dolci né salate e si accompagnano benissimo a qualsiasi marmellata, miele, crema spalmabile, ma anche ai formaggi cremosi, oppure gli affettati.  Si trovano ormai in commercio in tante varianti, integrali, all’avena, alla segale, arricchite con cacao, con orzo, riso o altri cereali soffiati.  La loro origine risale all’ottocento e furono create in una comunità mennonita prussiana per risparmiare ed evitare sprechi, oltre che per creare un prodotto che si potesse conservare per molto tempo.  I mennoniti si sono poi stabiliti in varie parti del mondo, portando con loro le proprie tradizioni culinarie, e questo pane biscottato ben presto si diffuse diventando un prodotto di largo consumo.

Dal punto di vista alimentare, le fette biscottate sono più caloriche del pane perchè il processo di tostatura fa evaporare molta acqua, quindi a parità di peso danno un apporto energetico maggiore.  Sono pratiche, appetibili, e croccanti,  e una fetta biscottata standard fornisce circa 30 kcal.  Sono arrivate sulle tavole italiane negli anni 70, quando iniziò timidamente a fare sentire la sua presenza nella colazione italiana, anche lo yogurt, cibo della tradizione dell’Est Balcanico, che grazie al miglioramento della condizione economica e l’aumento dell’educazione alimentare, divenne anch’esso sempre più diffuso.  In quel periodo ci furono cambiamenti a tavola e cominciò un’onda salutista, mentre nelle piazze ci furono le prime contestazioni sociali.  Ci fu anche il desiderio del ritorno alla natura, alla qualità della vita e della famiglia.  Infatti, anche gli spot pubblicitari mandavano in onda scene di vita quotidiana della famiglia felice intorno al tavolo che gusta una buona colazione tutti insieme.   Nel vocabolario italiano spuntò il concetto del “light” e nella nostra colazione entrarono le fette biscottate che prima di allora erano poco diffuse.  In passato si chiamavano biscotti della salute, di origini piemontesi, ed erano un tipo di pane dolce, tagliato a fette e cotto due volte in forno.  Erano ricchi di ingredienti come il burro, le uova, il latte e il miele, e il riferimento alla “salute” era dovuto al fatto… 

Continua su questo link:

http://caffebook.it/tecnologia/item/465-storie-culinarie-le-fette-biscottate.html

******************************************************************

Welcome to our fourth appointment with our culinary stories.

We’ve talked about the Italian breakfast and snacks, so today we want to talk about the small, square, double-toasted breakfast bread called fette biscottate (twice-baked slices). They’re neither sweet nor savoury and go really well with jams, honey, spreads, but also with creamy cheeses or cold cuts.  They can be found in many varieties, with whole wheat, oatmeal, rye, with cocoa, malt, rice and other types of puffed cereal. They date back to the 1800s and were actually created by a Prussian Mennonite community in order to avoid waste and have a product that could be kept for long periods of time. The Mennonites then emigrated to various parts of the world, taking with them their culinary traditions, and these double-toasted or twice-baked bread slices soon became very popular in the world.

From a nutritional point of view, they have more calories than bread because the toasting process makes the water content evaporate, so when compared to the same amount of bread the energy supply is greater.  They are very practical, appetizing and crunchy, and one fetta biscottata is 30 kcals.  They arrived on the Italian breakfast tables in the 70s, along with the slowly spreading use of yogurt, a traditional food from the Balkans.  All this was thanks to the improvement in the economic condition of the people and the increase in their knowledge of foods and related nutritional values. There were many social changes going on in Italy at that time, and not only regarding food. There was a desire for a return to nature, for a better quality of life and in particular a better family life.  Even TV commercials started showing scenes of happy families sitting around the table enjoying a breakfast together, or in parks doing outdoor activities as a family.  The word “light” appeared in the Italian vocabulary, as a way to describe less caloric foods.  The fette biscottate, which up to then had been called biscotti della salute, or health biscuits, became a staple food for breakfast.  The so-called health biscuits were or northern Italian origin and were a type of sweet bread that was traditionally sliced and baked twice in the oven and enriched with butter, eggs, milk, honey and were, therefore, considered healthier. They were first put on the Italian market…

 

Continues on this link:

http://caffebook.it/tecnologia/item/279-culinary-stories-fette-biscottate-twice-baked-slices-with-khorasan-flour.html

 

Il Carnevale di Emozioni Culinarie :-) Food & Friends Italian Styles’ Carnevale


Un’idea golosa da parte di Emozioni Culinarie per un allegro Carnevale!

Le nostre castagnole in versione fritte e al forno e le nostre frappe.

FullSizeRender

Come potete leggere nel nostro libro Emozioni Culinarie . . . “La tradizione delle frappe ha origini antichissime, infatti risale addirittura a quella della “frictilia” , ovvero il dolce fritto nel grasso che gli antichi romani preparavano durante i festeggiamenti in onore delle divinità protettrici della fecondità rurale.  Oggi sono conosciute con nomi differenti nelle varie regioni d’Italia.  A volte cambia non solo il loro nome ma anche la forma con cui la sfoglia viene tagliata.  Che siano chiamate ‘bugie’ in Piemonte, ‘cenci’ in Toscana, ‘chiacchiere’ nel meridione,  ‘frappe’ nel Lazio, o ‘saltasù’, ‘stracci’, ‘pampuglie’, ‘frittole’ o ‘manzole’ in altre regioni, rimane il fatto che ricoperte di miele, cioccolato o zucchero a velo il loro gusto e sapore rimane invariato e irresistibile!  E’ bello notare  che durante il periodo di Carnevale l’odore di questi dolci tipici si avverte nell’aria molto prima che si passi davanti ad un forno o una pasticceria.  Infatti, in quei periodi capita spesso che rientrando a casa dalla spesa mi metto subito all’opera.  Dispongo sul tavolo tutto il necessario ricordandomi la rotellina dentellata per le frappe e un sac à poche usa e getta per le castagnole, indispensabili in questo caso.  Il procedimento per le frappe è identico a quello per la pasta frolla, quindi una volta sfarinata la farina aggiungo gli altri ingredienti.   Quando l’impasto è pronto, lo lascio riposare nel frigo per una mezzoretta.  Il procedimento per le castagnole è abbastanza semplice ed è simile a quello del ciambellone.  Inizio con il montare le uova con lo zucchero, aggiungo il pizzico di sale, il burro fuso, il latte, la scorza grattugiata di un limone o una arancia non trattati, il liquore e la farina.  In una pentola dai bordi alti metto l’olio a scaldare, circa due litri.  Nel frattempo preparo un sac à poche versando al suo interno l’impasto delle castagnole.  L’olio deve raggiungere la giusta temperatura, che in questo caso deve essere media e non troppo forte, per permettere alla castagnola di cuocere bene al suo interno. Taglio la punta del sac à poche in obliquo e con la mano sinistra spingo l’impasto nell’olio mentre con la destra lo taglio con un coltello man mano che fuoriesce.  In questo modo si ottengono delle castagnole perfettamente sferiche.  Chi non ha un sac à poche può usare il metodo dei due cucchiaini e il risultato sarà quello di avere delle castagnole non perfettamente sferiche.  E’ bene ricordare questa regola: la frittura va messa insieme e tolta insieme, nel senso che se un alimento si cuoce prima e quindi deve essere tolto, non dobbiamo aggiungere quello crudo mentre il resto sta finendo di cuocere perché altrimenti si abbassa la temperatura dell’olio pregiudicando il buon risultato.  Man mano che friggo, le adagio su un piatto con carta assorbente e in seguito le passo su un vassoio.  Secondo i gusti, si possono spolverare con zucchero semolato o a velo vanigliato.  Nel frattempo l’impasto delle frappe ha riposato, quindi ne prendo un piccolo pezzo e lo stendo sul piano di lavoro leggermente infarinato.  Preferisco stenderlo a mano ma si può benissimo usare la sfogliatrice, basta che la sfoglia risulti sottilissima, quasi trasparente.  Con la rotella dentellata le taglio in rettangoli piuttosto grandi, circa 10 cm per 15 cm, incidendo nel centro due tagli orizzontali.  Ne friggo due alla volta, visto la loro grandezza, a una temperatura piuttosto allegra.  Man mano che sono cotte, operazione molto veloce poiché sono sottilissime, le adagio su un foglio di carta assorbente e, quando sono fredde, le cospargo di zucchero vanigliato creando quella piramide da me amata. Inutile dire quale persistente profumo si sprigiona.  E’ così meraviglioso che per me fa tanto Carnevale! Non siamo in Egitto, mi manca solo il costume di Cleopatra per la presentazione ideale di questa piramide dolce!”

FullSizeRender (2)

Ingredienti:

Per le frappe:

400 gr di farina 00

60 gr di zucchero semolato

2 uova intere

100 gr di burro freddo

1 bicchiere di marsala o vermouth

2 litri di olio di arachide

Zucchero a velo per decorare

Per le castagnole:

4 cucchiai di latte

Scorza grattugiata di un intero limone

4 uova intere

4 cucchiai di burro fuso

8 cucchiai di zucchero

1 bustina di lievito per dolci

1 bicchierino di sambuca o limoncello

500 gr di farina 00

1 pizzico di sale

Zucchero semolato per decorare

FullSizeRender (1)

Per chi vuole provare una alternativa light, si possono cuocere le castagnole in forno a 200° per 10 minuti, si può sostituire la farina 00 con la farina di farro, il latte con un latte vegetale e al posto del burro si può usare un olio di mais, riso, girasole . . . ma il bicchierino del nostro limoncello fatto in casa non deve mancare! 🙂

**********************************************************************

For a fun carnevale . . . here are our fried and baked frappe and castagnole

We want to wish everyone a happy Carnevale with our fried and baked castagnole and our frappe.  As you can read in our book, “The tradition of making frappe in Italy goes way back to the ancient Roman times and was originally called frictilia, a dessert fried in lard prepared during the celebrations in honour of the gods of fertility. Today they are known all over the Italian peninsula with different names and different shapes, but whether they are called “bugie” in Piemonte, “cenci” in Tuscany, “chiacchere” in the south, “frappe” in Lazio, or even “salta-sù”, “stracci”, “pampuglie”, “frittole” o “manzole” in other regions, covered in honey, chocolate or powdered sugar,  the fact is that they are irresistible!  At Carnival time it’s so pleasant to smell the aroma of these typical treats  everywhere you go since it lingers in the air outside homes, bakeries and pastry shops. In fact, their smell is so appetizing that it often get straight to work on my making them when I return home from my grocery shopping.  I prepare all the utensils I will need, remembering my pastry cutter wheel for the frappe and the disposable pastry bag which is essential for the castagnole. To make the frappe I follow the same procedure for the shortcrust pastry so once the flour is sifted, I add the other ingredients.  Once the dough is ready, I let it sit in the refrigerator for half an hour.  The castagnole are quite simple to make and the mix is similar to the ciambellone or bundt cake recipe.  I beat the eggs with the sugar then add the softened butter, the grated lemon peel, the milk, the limoncello, the baking powder and the flour, then I pour about two litres of vegetable oil in a high-rimmed pot and put it on a low flame to heat, in the meanwhile I fill the pastry bag with the castagnole mix. The oil needs to be just right, medium temperature and not too hot so as to allow for the castagnola to cook also on the inside. I slowly push the dough from the pastry bag into the oil with my left hand cutting the dough as it comes out with my right hand using a sharp knife in order to create perfectly round castagnole once they fall into the oil.  If you don’t have a pastry bag, you can use two teaspoons but the result won’t be as perfect. Don’t forget this very important rule when frying: the portions must be put in the oil and taken out together, never add more raw mix with the one that is already frying otherwise it modifies the temperature of the oil and the results won’t be as good.  As I take the fried castagnole out of the oil, place them first on a plate with blotting paper so it can absorb the excess oil and I allow them to cool for a few minutes then put them on a tray. They can be sprinkled with sugar or vanilla-flavoured powdered sugar according to taste.  At this point the dough for the frappe is ready too so I take a small piece and spread it out with my hands on my work table which I’ve sprinkled with flour so the dough won’t stick.  You can also use a dough sheeter if you like, as long as the final result is a really thin, almost see-through pastry.  Then, using my pastry cutter wheel, I cut 10×15 cm large rectangles, make two horizontal cuts down the middle and fry them two at a time on a lively flame.  They fry very quickly because they are so thin, then I put them on blotting paper and once they have cooled off I sprinkle them with vanilla-flavoured powdered sugar. Needless to say, as I place them on a tray, creating a beautiful pyramid of sweetness, their aroma is inebriating and mouth-watering.”  –  “Our guests are about to arrive for our yearly masquerade party, my pyramid of yummy treats is ready, the living room is decorated, our costumes are all laid out…  all I have to do is slip into my Cleopatra outfit and meet our friends at the door with my tray of sweet goodies!”

Ingredients:

  • For the frappe

400 grams of wheat flour

60 grams of sugar

2 whole eggs

100 grams of cold butter

1 glass of marsala or vermouth (if you like)

2 litres of vegetable oil

Powdered sugar to decorate

  • For the castagnole

4 tbsps of milk

1 grated lemon peel

4 whole eggs

4 tbsps of butter

8 tbsps of sugar

16 grams of baking powder for desserts

1 small glass of limoncello (if you like)

500 grams of wheat flour

1 pinch of salt

Sugar for decorating

For those who prefer a lighter version, just bake the castagnole in the oven at 200° for 10 minutes and substitute the regular flour with spelt flour, substitute the dairy milk with soy milk, and instead of using butter use a corn, rice or sunflower oil … but don’t leave out a good dash of limoncello,better if home made! 🙂

 

Le ciambelle di Emozioni Culinarie :-) Food & Friends’ doughnuts


IMG_4992

Ogni momento è buono per una ghiotta ciambella!

Per saperne di più basta andare a pagina 139 del nostro libro Emozioni Culinarie!  

Per chi non l’ha ancora comprato in libreria, è disponibile online e anche in versione e-book!

http://www.ibs.it/code/9788868311056/ferraiuolo-tina/emozioni-culinarie.html

Buona lettura e buon appetito !!! 🙂

**********************************************************************

Doughnuts are yummy any time of the day!

To see how to make these delights just go to page 121 of our book Food & Friends ❤ Italian Style ❤ !

If you haven’t bought it yet, it’s available online at amazon.co.uk and ibs.it !

http://www.amazon.co.uk/s/ref=nb_sb_ss_c_0_19?url=search-alias%3Dstripbooks&field-keywords=food+and+friends+italian+style&sprefix=Food+and+Friends+It%2Caps%2C978

http://www.ibs.it/code/9788868311438/ferraiuolo-tina-ordioni-cristiana/food-friends-italian.html

Enjoy both the reading the book and eating the doughnuts!!! 😉

Ciambelle di Barbara

 

Caffebook.it – Storie Culinarie: come nasce il biscotto :-) Culinary stories: the origin of biscuits


Storie Culinarie: come nasce il biscotto.

 Benvenuti al terzo appuntamento con le nostre storie culinarie.

Nei nostri primi articoli abbiamo parlato della colazione, della merenda e di come questi sono cambiati negli anni per gli italiani.  Sappiamo che un’adeguata colazione consumata con calma è un ottimo contributo al mantenimento di un buono stato di salute. Consumare una colazione regolarmente migliora la qualità della dieta e soprattutto ci dà energia per iniziare la giornata.  Una buona colazione ci gratifica, ci nutre nella maniera giusta, ed è un rituale fatto di gesti quotidiani che creano un momento di condivisione con la famiglia, diventando un’occasione giornaliera di scambio, sia verbale che affettivo.  Ai tempi dei nostri nonni, bisnonni e bis-bisnonni… insomma tanti, tanti anni fa… la prima colazione era di pane e latte.  Il pane veniva fatto in casa preparando un impasto con farina, lievito, acqua e sale, oppure si andava dal fornaio a comprarlo. Il latte veniva venduto sciolto in latteria dove si andava con la bottiglia vuota e il lattaio la riempiva attingendo da un grande contenitore.  Negli anni le abitudini cambiarono lentamente, e il grande salto fu fatto i primi del 1800 quando furono inventati i primi fornelli a petrolio, quelle a gas, le ghiacciaie, le macchine per il caffè e tanto altro.  Le prime macchine industriali arrivarono in Italia via mare dall’Inghilterra, e proprio nel nord Italia presero vita alcune importanti esperienze imprenditoriali.  Uno dei primi prodotti che furono resi disponibili per tutti fu, per esempio, il biscotto che prima era considerato un simbolo di esclusività, era un prodotto costoso che veniva venduto in preziose scatole di legno o latta decorati con disegni liberty di eleganti signore o colorati velieri.  Ancora oggi si possono trovare se si fa visita a qualche negozio vintage e mercatino.

Continua su questo link:

http://caffebook.it/tecnologia/item/419-storie-culinarie-come-nasce-il-biscotto.html

 

Frollini

*******************************************************************

Culinary Stories: the origin of biscuits

Welcome to the third appointment with our culinary stories.

In our first article we spoke about breakfast, snacks and how these have changed over the years in Italy. We all know that a healthy breakfast is a great way to stay in good health.  Eating breakfast regularly improves the quality of our daily diet and gives us the energy we need to start our day.  It is gratifying, nourishing and is also a ritual of daily gestures that we share with our loved ones that gives us time for verbal and emotional sharing.  When our grandparents, great-grandparents and great-great-grandparents were young… well, sooooo many moons ago… breakfast was basically milk and bread.  The bread was usually baked at home and prepared with white flour, yeast, salt and water, or it was purchased at the local baker’s.  Milk was sold in milk shops kept in large containers and one would go get refills for their empty bottles.  Things changed gradually with time and in Italy the biggest change arrived in the early 1800s when gas stoves, ice boxes, coffee machines, and so many other appliances appeared on the market.  The first ones arrived in Italy by sea from England, and the first factories started right there in the northern regions of the country.  One of the first products to be made available to everyone was, for example, the biscuit which before that time was considered a product for the elite.  It was expensive and sold in lovely metal or wooden boxes with elegant designs of ladies or ships painted on them in liberty style.  These can still be seen today in vintage or antique shops.  Factories brought biscuits in everyone’s home and these became the bestselling breakfast product.  Someone might remember the first ones that appeared on the market and which are still sold today… a square biscuit with crenellated borders, or the round doughnut-shaped one with frosted sugar on it.  These little delights have accompanied so many of us from our childhood with their infinite shapes, forms and flavours.  The origin of the biscuits go hand in hand with the history of sugar.  Over the centuries the techniques have improved, but the very first biscuits, it is said, were first made in ancient Rome.  Then at the beginning of the middle ages, monks became popular for their expertise in combining honey to their dough, thus making it sweet.  The baker’s corporations then formed and these people enriched the recipes with new aromas and flavours by using the spices arriving from the Orient:  cinnamon, pepper, anis, and clove.  All this contributed to the territorial identification of certain biscuits made in Italy, such as the amaretti from Lombardy, the cantucci from Tuscany, and the tarallucci from the central regions. The word biscuit derives from the Latin “panis biscotus” which means bread baked twice.  This double baking process allowed for the biscuits to be saved longer.  In Italian the word is biscotto, in English we say biscuit, but the word cookie comes from the Dutch word for small round cake. The very popular chocolate chip cookie that is known all over the world, and is the most popular biscuit in America, was invented in 1937 by Ruth Graves Wakefield who managed a popular restaurant in Massachusetts.  It was actually made world famous, though, by Betty Crocker in 1939 during a radio programme.  Statistics say that 6 Italians out of 10 eat biscuits for breakfast and there are hundreds of different types on the market today.  We want to suggest our frollino!

Ingredients:

300 gr of flour

125 gr of butter

150 gr of sugar

1 whole egg and one egg yolk

A dash of salt

1 tsp of baking powder

Grated lemon or orange peel

Put the sifted flour and baking powder in a bowl, add the cold and diced butter and beat with an electric beater until it gets thick.  Add the salt, the sugar, the fruit peel and lastly the eggs which have been lightly whipped.   If you prefer to make the biscuits by hand then just mix the butter with the sugar then add the eggs, the salt and the fruit peel, and lastly add the flour and baking powder quickly.  Place the dough in the fridge for about one hour.  Roll out the dough with a rolling pin, shape the biscuits with your favourite cutters, put them on a baking tin and bake them until golden at 180°.  Enjoy!

Halloween in arrivo!… Il Pumpkin Bread di Chiara


Pumpkin Bread con farina di farro

Il Pumpkin Bread di Chiara

Ormai avrete capito che a noi piace dedicare le nostre ricette a persone a noi care.  Cosa si può dedicare alla dolce e timida Chiara?  Dinamica e sportiva, ama gli animali, la natura, e la vita sana.  Ama comunicare con gli altri tramite la musica, la scrittura e la fotografia. E’ golosa e cerca di alimentarsi in modo sano, specialmente da quando ha scoperto di essere celiaca.  Adora il mare, il suo profumo, il freddo e la neve . . . cose che ci fanno venire in mente appunto il nostro Pumpkin Bread.  Il suo profumo fortemente aromatico, da il meglio di se soprattutto in cottura, infatti, mentre cuoce la casa si riempie di un inconfondibile e persistente aroma speziato. . . che fa tanto autunno. . . ed è una ricetta invernale semplicemente fantastica, proprio come Chiara!

Non lasciamoci ingannare dal nome Pumpkin Bread perché ha un gusto e una consistenza più simile ad un dolce che ad un pane.  E’ popolarissimo negli Stati Uniti dove viene cotto appunto nelle teglie a forma di pane in cassetta, ha meno zucchero dei dolci normali, e viene usato il bicarbonato oltre che al lievito.  Si sta comunque diffondendo anche in Italia, dove oltre al mangiare sano, tutto ciò che concerne la festività autunnale di Halloween sta spopolando.

Ma di cosa si tratta?  E’ un pane-dolce profumato molto semplice da fare, a base di zucca, farina, zucchero, uova, olio e lievito.  E’ ottimo e leggero per la colazione e utilizzando una buona farina gluten-free, abbiamo avuto un ottimo risultato. La zucca che abbiamo usato è un prodotto in scatola americano reperibile nei negozi specializzati e online. In alternativa si può utilizzare la polpa di zucca fresca precedentemente cotta in forno.  Noi abbiamo utilizzato lo zucchero di canna e non quello previsto dalla ricetta.  Nella versione normale (non gluten-free) abbiamo usato la farina di farro.  Come spezia, invece, abbiamo usato la cannella al posto del Pumpkin Pie Spice, introvabile in Italia.

Abbiamo provato varie versioni. . . alla fine abbiamo scelto questa di Laura Vitale, simpatica vlogger italo-americana.

http://www.laurainthekitchen.com/recipes/pumpkin-bread/

Come unità di misura abbiamo lasciato le CUPS perché ormai sono conosciutissime anche in Europa.

Ingredienti per 8 persone:

1 ½ cups di farina di farro o farina gluten-free

½ cup di purea di zucca o mezza scatola

1 cucchiaio di Pumpkin Pie Spice o cannella

½ cucchiaino di lievito in polvere

½ cucchiaino di bicarbonato di sodio

½ cucchiaino di sale

1 ½ cups di zucchero di canna

½ cup di olio vegetale

1 cucchiaino di essenza di vaniglia

2 uova

Riscaldiamo il forno a 170° e rivestiamo di carta forno una teglia rettangolare (quelle da plumcake).  In una piccola ciotola mischiamo la farina, la cannella, il lievito e il bicarbonato.  In una ciotola più grande sbattiamo le uova, la vaniglia, l’olio, lo zucchero e il sale e alla fine la purea di zucca.  Incorporiamo a questo composto man mano il contenuto della ciotola piccola e quando è tutto ben amalgamato lo versiamo nello stampo.  Lo inforniamo per circa una ora e mezza soprattutto la versione gluten-free perché deve asciugare bene.  La caratteristica della zucca è dare morbidezza agli impasti ecco perché questi preparati necessitano di cotture un pochine più lunghe.

E’ buono caldo, freddo e anche tostato. . . è gustosa sia la versione con farina di farro che quella gluten-fre . . . una cosa è certa, questo pane-dolce ci ha veramente conquistate!

Grazie Chiara 🙂

**********************************************************

Chiara’s Pumpkin Bread

By now you all know that we like to dedicate our recipes to people we care about.  What can we dedicate to our sweet and shy Chiara?  She’s dynamic and athletic, she loves animals, natura and healthy living.  She loves communicating through music, writing and photography.  She’s a foodie and likes to eat healthy food, especially since she has found out that she suffers from celiac disease.  She loves the sea and its scent, the cold weather and snow . . . all this can be associated with our Pumpkin Bread.  Its strongly aromatic fragrance can best be smelled while it’s baking and that is exactly when the home gets filled with this unique and persistent spicy aroma. . . that’s so typical of autumn . . . and this is a simply fantastic winter recipe, fantastic like Chiara!

Don’t be misled by the word bread in the name because its taste and consistency is more like those of a cake than a bread.  It is really popular in the United States where it is baked in loaf tins, it has less sugar than normal cakes, and baking powder is used besides yeast.  It is becoming very popular in Italy where more and more people want to eat healthy foods and where all things that are related to the autumn festivity of Halloween is making a splash.

What is it all about?  It’s a fragrant sweet bread that is very simple to make, and its main ingredients are pumpkin squash, flour, sugar, eggs, oil and yeast.  It’s really good for a light yet nourishing breakfast and it’s great when you use a good gluten-free flour.  We used the canned pumpkin made in the USA which can be found in Italy in grocery shops that specialize in foreign foods, or online.  An alternative can be to use fresh squash that is first baked then squashed.  We used brown sugar and not the one listed in the original recipe.  In the regular version (not the gluten-free one) we used spelt flour.  Instead of using Pumpkin Pie Spice, which is not easy to find in Italy, we used cinnamon.

We’ve tried different versions . . . and our choice fell on Laura Vitale’s recipe.  She is a pleasant Italian-american vlogger.  We used cups as they are now well known even in Europe.

Ingredients for 8 servings:
1 ½ cups of spelt flour or gluten-free flour
1/2 cup of pumpkin puree
1 tbsp of Pumpkin Pie Spice or cinnamon
½ tsp of baking powder
½ tsp of baking soda
½ tsp of salt
1 ½ cups of brown sugar
½ cup of vegetable oil
1 tsp of vanilla extract
2 eggs

We preheat the oven at 170° and lay the bottom of a loaf pan with baking paper.  In a small bowl we mix the flour, the cinnamon, the baking powder and the baking soda. In a larger bowl we beat the eggs with the vanilla, the oil, the sugar and the salt then the pumpkin puree.  We add the dry ingredients from the small bowl and once it becomes creamy we pour it in the loaf pan.  We leave it to bake for about an hour and a half, especially if we use gluten-free flour because this needs to dry well.  The pumpkin adds softness to the dough and therefore these types of bread/cakes need to cook a bit longer.

It’s delicious eaten warm, cold and even toasted. . .it’s yummy with the spelt flour and the gluten-free flour alike. . . one thing is for sure, we love this pumpkin bread!

Thanks Chiara 🙂

La soffice brioche con granita alla Siciliana di Ignazio


La leccornia che oggi vi proponiamo, la dedichiamo alla persona carissima che ce l’ha ispirata, Ignazio.  Per le sue belle qualità si fa amare da tutti, come si fa amare la brioche con granita da noi interpretata in versione light.  Come non paragonare Ignazio alla sua terra natìa… la Sicilia? E’ una delle perle del sud, tutta da scoprire, conoscere e vivere, come lui, nato a Sciacca, bellissima cittadina conosciuta per le terme, il carnevale ed il suo mare.

Granita di fragole con soffici brioche

E’ un giovanotto 😉 brizzolato, dagli occhi luccicanti nei quali, chi sa guardare, può leggere un animo gentile e cristallino, come il mare della Sicilia, dagli incredibili colori, trasparenza delle acque e bellezza dei suoi fondali che primeggiano sugli altri mari.  Lui è bello come il  sole della Sicilia, e affascinante come la sua terra che ha un’attrazione magica arricchita dalle preziose testimonianze archeologiche che raccontano le sue antiche origini. Ignazio è dinamico, efficiente, abile, virtuoso, educato e colto… doti che gli avrebbero permesso di fare una lunga e brillante carriera nel campo diplomatico ma che lo rendono comunque uno specialista nel settore del turismo.  Ha un’alta preparazione nella sua professione, e la sua conoscenza profonda della natura umana, unita al suo ampio bagaglio culturale, fan sì che viaggiare con lui  diventa una esperienza istruttiva e stimolante.   E’ una fonte inesauribile di informazioni pratiche e non, e chi si rivolge a lui trova sempre una soluzione a un problema e un aiuto valido.

E’ leale ed affidabile, come lo è la genuinità dei prodotti della cucina siciliana, tra cui gli oli extra-vergine di oliva, le succose arance rosse, la dolce uva di Canicattì, i pomodori di Pachino, i capperi di Pantelleria, i fichi d’India, le olive, i formaggi e tanto altro.  Tutte eccellenze della gastronomia siciliana che la rendono famosa nel mondo.   Ignazio è di una dolcezza infinita, come le nostre brioche, ma questa sua caratteristica si può solo scoprire piano piano, un passo alla volta, conoscendolo.  E’ umile e garbato, e per chi non lo conosce, può sembrare quasi distante e freddo, come la nostra granita, ma conoscendolo scopri quanto è affettuoso e  gioioso.

L’esuberanza e il calore della Sicilia condiscono anche la sua buona cucina, che con le sue specialità ci racconta la passione e la cura che il suo popolo ha nei riguardi della buona tavola e dei sapori genuini.   La stessa passione e cura che Ignazio mette nei suoi rapporti con le persone che ama, e chi ha la fortuna di essere amato da lui può essere sicuro che quando dà il suo cuore lo dà per sempre.  L’amore di Ignazio per la sua terrà è nulla a confronto, come dice una famosa canzone, dell’amore che ha per la persona amata.  Come nulla può confrontarsi con le prelibatezze  della ben nota pasticceria Siciliana, dove la ricotta e la pasta di mandorla regnano sovrane… squisitezze di cui lui va tanto ghiotto.

Ecco perché abbiamo voluto dedicare questa dolcezza al nostro Ignazio, la nostra versione light della soffice brioche con la granita di fragole.  Quella originale contiene  lo strutto nell’impasto, noi invece abbiamo usato la nostra ricetta, con l’aggiunta delle uova, dei Panini al latte di Viviana che si trova nel nostro libro, Emozioni Culinarie, a pagina 75.  E’ un impasto che non ci tradisce mai, perché rimane sempre morbido, ed è tanto versatile che noi lo utilizziamo in vari modi.

Ingredienti:

500gr di farina manitoba

500gr di farina 00

25gr di lievito di birra

400ml circa di latte (secondo l’assorbenza della farina)

1 cucchiaio di malto

100ml di olio di oliva

½ cucchiaio di sale

4 uova più uno per spennellare

Cominciamo con lo sciogliere il lievito in un po’ di acqua tiepida e, nel frattempo, misceliamo e setacciamo le due farine. Non versiamo tutta la farina nell’impastatrice,  ma ne teniamo un po’ in serbo perché l’aggiungeremo alla fine dell’impasto.  Avviamo la macchina e aggiungiamo il lievito sciolto, il latte tiepido poco alla volta, le uova una alla volta, il malto e l’olio.  Volendo preparare l’impasto a mano, la procedura è identica.

Come sempre, quando si preparano i lieviti, il sale va aggiunto alla fine.  Finita la lavorazione, mettiamo l’impasto in una ciotola e lo copriamo con un panno umido, tenendolo al riparo dalle correnti d’aria, per almeno 3–4 ore. A fine crescita, versiamo la pasta sulla spianatoia e iniziamo la “formatura” delle brioche.  Prendiamo la massa nella mano sinistra e con il pollice e l’indice facciamo uscire, quasi a strozzatura, una pallina d’impasto della misura di una pallina da tennis. Prendiamo con la mano destra la pallina così formata e l’adagiamo sulla placca infarinata. Le palline saranno ben distanziate fra loro.  Allo stesso modo formiamo delle palline più piccole che adagiamo su ogni brioche formando il cosiddetto “tuppo”.

Le lasciamo lievitare di nuovo per almeno un’ora, sempre coperte con un panno umido, fino a quando non avranno raddoppiato la loro dimensione. Accendiamo il forno al massimo della temperatura, le spennelliamo con l’uovo sbattuto insieme ad un po’di latte, poi le inforniamo per 7 minuti circa, fino a quando avranno assunto il loro caratteristico colore dorato.

La granita è semplice da preparare e la possiamo realizzare con vari tipi di frutta… melone, more, pesche, albicocche… ma limone, mandorle e gelso sono gli ingredienti più famosi della granita Siciliana… noi abbiamo la nostra versione con delle deliziose fragole.

Ingredienti:

500gr di fragole

200gr di acqua

150gr di zucchero

1 cucchiaio di succo di limone

Iniziamo mettendo a bollire l’acqua con lo zucchero fino a quando questo non si è sciolto. Una volta che lo sciroppo si è raffreddato, lo frulliamo insieme alle fragole che avremo lavato e tagliato, e aggiungiamo il succo di limone. Versiamo il composto in una ciotola che riponiamo nel congelatore. Ora, a distanza di mezz’ora e per tre volte, dobbiamo tirare fuori il composto e girarlo cercando di amalgamare il tutto molto bene.  Questo è necessario per evitare la formazione dei cristalli di ghiaccio.  Quando vogliamo gustare la nostra granita, la tiriamo fuori dal congelatore qualche minuto prima.  E’ uno spettacolo anche per gli occhi vedere questa meraviglia buona, rinfrescante e golosa servita in bicchieri alti e con l’aggiunta di un ciuffetto di panna.

In questo Luglio caldissimo, non potevamo non riproporre questa delizia rinfrescante che, gustata insieme alle nostre gustose brioche, porta le nostre papille gustative alle stelle… brillanti come il nostro caro Ignazio!

Grazie Ignazio 🙂

L’angel food cake di Paola T.


Un augurio a tutte le amiche che si chiamano Paola! 🙂  Oggi abbiamo scelto un dolce che a noi piace tanto.  Si chiama Angel Food Cake o cibo degli Angeli.

Foto 15 angel cake

E’ soffice e misterioso come gli angeli.  Nel libro Emozioni Culinarie si legge:  “Esistono gli angeli? Leggendo una definizione della parola “angelo” ho dedotto che in molte tradizioni religiose si tratta di un messaggero, un essere spirituale al servizio di Dio, ma allo stesso tempo anche al servizio dell’uomo durante il suo percorso sulla Terra. Mi chiedo, gli angeli sono esseri pieni di luce che abitano in cielo o sono anche tra noi? Non lo so, ma una cosa è certa, io ne ho incontrato uno. Si può anche essere scettici, ma per me è stato così. È un essere terreno che parla con voce saggia e sicura e ha un nome: Paola!”

E ancora: “Gli angeli sanno dare amore che trasmettono con un sorriso dal cuore. Si mostrano per ciò che sono e donano senza aspettarsi nulla. Cambiano la nostra vita in modo positivo. Con Paola è stato così, per me e per una mia carissima amica d’infanzia e sua figlia.  È una donna dagli occhi chiari, penetranti e lucenti, in un viso incorniciato da capelli lunghi e morbidi. Psicologa molto intuitiva e saggia, trasmette forza e coraggio con le sue parole. È una guida sicura per chi si affida a lei. Ho avuto la fortuna di conoscerla durante una festa di compleanno.”

Il racconto continua e leggendolo si scopre perché Paola T. per noi è un angelo… fino ad arrivare alla frase finale: “L’angel food cake è bianca come la neve, delicata come una goccia di rugiada, soffice come un petalo di rosa, e dolcissima come Paola.”

Gli ingredienti sono semplici e per creare questo dolce paradisiaco basta seguire la procedura a pagina 119 del libro:

Angel Food Cake

15 albumi
8gr di cremor tartaro
200gr di zucchero semolato
1 cucchiaio di estratto di vaniglia naturale liquido
150gr di farina 00
1 pizzico di sale

Grazie Paola! 🙂

Gli Scone di Edinburgo


Avete organizzato le vacanze?  Se non avete mai visitato la Scozia, è un posto assolutamente da vedere.  E’ uno dei paesi più suggestivi e belli d’Europa. Affascina per la sua storia, i suoi numerosi castelli, i suoi paesaggi, le sue tradizioni e tanto altro.

Eccoci di nuovo con una interessante proposta internazionale.

Scones

Nel libro Emozioni Culinarie c’è un racconto dedicato proprio a uno dei nostri paesi preferiti… la Scozia!  🙂 “Visitare la Scozia è stata per me un’esperienza magnifica… ci ho lasciato il cuore! Il clima non è dei migliori, ma è passato in secondo piano rispetto a tutto ciò che ho conosciuto e apprezzato.  Il fascino della storia di questo paese si rivive visitando i suoi castelli, molti dei quali sono ancora abitati dai discendenti delle nobili famiglie cui appartenevano quando furono costruiti.  Il paesaggio è verde, di una tonalità difficile da descrivere, ma molto vicino al verde smeraldo. I laghi, in scozzese loch, sono
numerosi e misteriosi. La popolazione è cordiale e gentile, ospitale e simpatica con un alto senso civico che favorisce un buon livello di vita del cittadino. Tutte queste qualità le ho riscontrare in una coppia di amici, Peter e Jessie, nativi di Edimburgo e conosciuti a Roma…”

Che bei ricordi ho di Jessie – “Aveva un caschetto biondo, gli occhi azzurri, era piccola, minuta, amava i colori pastello e l’abbigliamento Made in Italy. Il suo grembiule, però, era tipicamente britannico… come le delizie che ci preparava. Fra queste c’erano gli scone!” … “Per chi non li conosce, sono dei piccoli panini soffici all’interno e friabili all’esterno, solitamente mangiati a colazione o per il tè delle cinque. Il loro aroma è burroso e si usa consumarli tagliati a metà e farciti con un’ottima marmellata, magari ai frutti di bosco, meglio se fatta in casa. Se si apprezza la versione fatta con le uvette, sopra ci si può aggiungere della panna montata.  Questo pane scozzese pare abbia preso il nome dalla famosa ‘Pietra del destino’ (detta scone, appunto), il luogo dove i re scozzesi venivano incoronati.”

Gli ingredienti sono semplici:
500gr di farina 00
200gr di burro
200ml circa di latte
4gr di bicarbonato
4gr di cremor tartaro
1 pizzico di sale
Uvetta a piacere
Marmellate varie e panna montata per la farcitura

La procedura si trova a pagina 47 del libro…provate a farli, ne vale la pena!

Grazie Jessie 🙂

I muffin di Emma


Muffin

Continua la nostra carrellata di bontà internazionali! 🙂

A pagina 61 di Emozioni Culinarie leggiamo . . .“Si sa che negli Stati Uniti, durante la settimana, si tende a trascorrere meno tempo possibile in cucina, per la vita frenetica che fanno tutti. Ma la domenica di solito s’inizia la giornata condividendo il classico breakfast, che può diventare un piacevole brunch in base alle abitudini familiari. Tra i vari dolcetti preferiti ci sono i muffin.  Spesso si preparano gli ingredienti secchi già dalla sera prima in modo che la mattina seguente, aggiungendo velocemente gli ingredienti umidi, si possono sfornare in tempo per la colazione.” . . . “Le loro origini risalgono al periodo che va dal X al XI secolo, ma la loro popolarità si diffuse in Inghilterra durante il periodo vittoriano.  Inizialmente, venivano preparati e consumati dai domestici dell’alta società utilizzando il pane avanzato dal giorno prima e ciò che rimaneva dell’impasto dei biscotti, con l’aggiunta di patate schiacciate. Venivano poi cotti su una piastra, diventando così leggeri e croccanti. Ben presto si diffusero in tutte le classi sociali e furono considerati l’accompagnamento ideale per l’ora del tè.”  . . . “Prima ancora, esisteva addirittura la figura del cosiddetto muffin man, un venditore che girava per le strade della città con un vassoio di legno appeso al collo, che conteneva questi fragranti panetti appena sfornati. Esistono anche una filastrocca a lui dedicata, Oh, do you know the muffin man (Oh, conosci l’uomo dei muffin), e addirittura un simpatico brano di Frank Zappa dal titolo Muffin man.”

“È incredibile come un dolce così piccolino possa essere così versatile.  Un po’ come l’uno, nessuno, centomila della pasticceria!  All’inglese, all’americana, integrale, al mais, al cioccolato, alla frutta, con zucchine, in versione dolce e salata… è una coccola assicurata in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento della giornata!”

La procedura e gli ingredienti per creare deliziosi muffin in versione bianco con i mirtilli, bianco con gocce di cioccolato, e al cioccolato, e tanto altro li trovate a pagina 64 del libro.

Grazie Emma! 🙂