The Travelling Foodie Tour! Monteriggioni


Chianti wine, Ruppel beer (red, strong, thick), Chama beer (light, low alcohol content), Cinta breed pork (pigs are bred and fed with natural methods), Caciocavallo Silano (semi-soft cheese which becomes zesty as it matures), Raveggiolo (fresh, sweet, sheep milk cheese), and one of the greatest wonders of medieval Italy  . . . Monteriggioni!  These are just a few of the wonderful things we find in the Val d’Elsa region.

Monteriggioni

Monteriggioni is situated at the northern end of the region and occupies the peak of a small, rolling hill covered with cultivated slopes with vineyards and olive trees. The castle was founded in the second decade of the thirteenth century by the Republic of Siena with the purpose of creating a defence outpost against its rival Florence. When seen from a distance, the Castle of Monteriggioni with the remaining towers and walls that stand in witness of the distant past, one truly gets the impression that time has come to a stand-still. Over the centuries the inhabitants and their ways of life have changed but those who have chosen to live in Monteriggioni today still keep the slow pace and rhythm of a life which remains in close contact with history and the old agricultural values. Every summer in July one can sit in on the historical re-enactments among ancient crafts, tomfoolery and betrayal. Visitors are taken on an unforgettable journey back in time which is a blend of medieval tradition and innovation. They are welcomed to a great open-air spectacle of heroic armed combats, pranks, intrigue, merry juggling, daily life vignettes, arts and crafts. For those who are videogame fans, the famous Assassin’s Creed II takes place in medieval Italy and its hero roams the perfectly reconstructed streets of three important cities of the past and present, Florence, Venice and Rome but also Monteriggioni and San Gimignano.

When in the area, make sure you stop for lunch at the Futura Osteria, a restaurant in the suburb of Abbadia Isola, a former monastery dating back to the year one thousand and one. This town was a passing point for the pilgrims coming and going to France by the Francigena way. This is how freshly-baked bread is served at the Futura Osteria where you find excellent food and the owners are very pleasant!

Futura Osteria Monteriggioni

******************************************************************************

Vino del Chianti, Ruppel (birra rustica, rosso carico, corposa), Chama (birra chiara artigianale, moderata gradazione alcolica), Cinta Senese, Caciocavallo Silano, Raveggiolo (formaggio fresco, dolce, pasta è molle e gelatinosa), e una delle meraviglie del medioevo Italiano . . . Monteriggioni!  Ecco solo alcune delle cose stupende che troviamo nella Val d’Elsa.

Monteriggioni

Monteriggioni si trova all’estremità settentrionale del proprio territorio comunale e occupa la sommità di una collina dalle pendici coltivate a vigne e olivi. Il castello venne fondato nel secondo decennio del Duecento dalla Repubblica di Siena con il principale scopo di creare un avamposto difensivo contro la rivale Firenze. Vedere da lontano il Castello di Monteriggioni, con i resti delle sue torri e le sue mura che testimoniano un’epoca lontana, si ha davvero l’impressione che il tempo sia rimasto immobile. Il popolo e la sua realtà sono cambiati ma chi ha scelto di vivere a Monteriggioni ha conservato il ritmo lento e ricco della vita a dimensione d’uomo e di natura, con i valori propri della cultura contadina ed a continuo contatto con la storia. Ogni estate a Luglio si può assistere alla rievocazione storica tra antichi mestieri, giullarate e tradimenti. Le mura del castello e la grande piana sottostante si popolano di personaggi, armi, sonorità e situazioni ispirate alle antiche cronache del mondo medievale che trasportano il visitatore in un indimenticabile viaggio tra le storie del passato. Per chi è appassionato di videogames, il famoso gioco Assassin’s Creed II è ambientato nel medioevo italiano ed il suo eroe si muove non solo attraverso ricostruzioni perfette di tre delle grandi città rinascimentali, Firenze, Venezia e Roma ma anche di Monteriggioni e San Gimignano.

Quando siete in zona, pranzate a La Futura Osteria, un ristorante nel borghetto di Abbadia Isola, antico monastero risalente all’anno mille e uno. Il borgo era passaggio dei pellegrini diretti in Francia per la via Francigena. Ecco come viene servito il pane appena sfornato a La Futura Osteria, dove il cibo è ottimo e i proprietari sono fantastici!

Futura Osteria Monteriggioni

The Travelling Foodie Tour! Celano-Tour del Viaggiatore Ghiotto!


Hello there friends, how can we not talk about Italy in our blog when food and the beauties of this country go hand in hand? In the lovely region of Abruzzo, famous for its eggs, saffron, truffles, mushrooms, cheese, pasta and meat, is Celano!  This lovely little town is in the Province of L’Aquila.  It is situated on a hill that once dominated Lake Fucino which is the largest lake in central Italy but that was drained towards the end of the 19th century.  The ancient part of the town is around the castle which once belonged to the powerful Counts of Celano.  Celano is 800 meters above sea level, is 65 kilometers from L’Aquila and has a population of about 10000 inhabitants.  It had an important strategic role in Roman times, being right on the via Valeria and along the Fucinum Lacum.   It played a remarkable role also after the fall of the Roman empire, as we can see from the Lombard settlements of Secuntiano, Oretino e Porciano.  The original medieval town, which was on the top of the Monte Tino, was destroyed in 1223 by Frederick II.  Subsequently the inhabitants rebuilt their houses where Celano is situated today.   Over the centuries the County of Celano belonged to many feudal lords.  Today it is a lively agricultural and industrial center.  It has modern sports facilities and a growing cultural tourism.   In January, in honor of the Feast of Saint Anthony, there are bonfires in the main square.  During the first week of August there is a well-known truffle festival.  One must visit the famous Castello Piccolomini, the building of which was started in 1392 and finished one century later by Antonio Piccolomini, whose name was given to the castle.  The Church of Santa Maria Valleverde, which was founded in the XII century, contains precious works of art.  The Gole di Celano is a 5-kilometer-long canyon created by carsic erosion due to the Foce river where the majestic rock walls are at certain points only 3 meters apart.  Not far from here is the ancient town of Alba Fucens, an ancient roman colony in 304 B.C., which gets its name from its original position from where one could admire the sunrise on Fucens lake.  It is remarkable for its finely preserved fortifications and its external walls have a circuit of about 3 kilometers.   Within the walls there are the remains of houses and, although excavations have only been casually made, one can also see what is left of the buildings, roads and an extensive system of underground passages perhaps connected with the defence system of the town.  The cuisine of Abruzzo is very diverse.  Among the first courses we find the macaroni and spaghetti “alla chitarra” which are made with a utensil called “chitarra” (guitar – the pasta dough is laid on the guitar then pressed with a rolling pin in a backward and forward motion which cuts the pasta in its typical shape) which gives the pasta a thickness and porous texture that allows for the condiments to adhere to it completely.  The gravy most commonly used is the “ragù” or meat sauce made with tomatoes and cuts of beef, pork and lamb.  Less traditional gravies are those made with wild boar or hare.  A delicious stuffed pasta is called “sparone”. The dough is filled with spinach, ricotta cheese and grated cheese, rolled then wrapped in a cloth and cooked.  When done, the cloth is removed, it is sliced, some tomato sauce is poured over the slices and it is baked in the oven.  Abruzzo has a delicious polenta which gets topped with a sauce made with bacon, sausages, onions and lots of grated pecorino cheese.  As for the second courses, we can have the “arrosticini” which are small bits of sheep meat put on little skewers and roasted, or the “porchetta” (roasted pork) and “canzanese” turkey which is served cold with a gelatin obtained from the broth in which it is cooked.  An interesting dish is the one with cheese and egg balls.  This simple dish is made by mixing stale bread, eggs, grated cheese and garlic which is then shaped into balls that are fried and flavoured with a tomatoes and basil sauce.  The wide variety of delicious desserts have among the basic ingredients flour, oil, white wine, chick peas, cocoa, cooked grapes, cinnamon, orange peel, chestnut and almond paste, dark chocolate, lemon peel, rhum, honey, Montepulciano black grape jam, and roasted walnuts.  The most well-known wines that come from this region and are famous around the world are the Montepulciano d’Abruzzo, which is produced in the entire region, and the Trebbiano d’Abruzzo.

Celano-Castello

******************************************************************************

Salve amici, come possiamo non parlare dell’Italia nel nostro blog quando il cibo e le bellezze di questo paese vanno mano nella mano?  Nella bellissima regione Abruzzo, famosa per le uova, lo zafferano, i tartufi, i funghi, i formaggi, la pasta e la carne, c’è Celano.  Questa bellissima cittadina si trova in Provincia di L’Aquila.  E’ situato su una collina che un tempo dominava lago Fucino che è il più grande lago del centro Italia ma che verso la fine del 19° secolo fu  prosciugato.   La parte antica della cittadina è raggruppata intorno al castello dove una volta vivevano i potenti conti di Celano.  Si trova a 800 metri sul livello del mare, dista 65 kilometri da L’Aquila e ha una popolazione di circa 10000 abitanti.  Ha avuto un importante ruolo strategico in epoca romana, trovandosi proprio sulla via Valeria e lungo il Lacum Fucinum.  Ha mantenuto un ruolo rilevante anche dopo la caduta dell’impero romano, come dimostrano gli insediamenti longobardi di Secuntiano, Oretino e Porciano. Originariamente la città medievale si trovava sulla sommità del Monte Tino ma fu distrutta nel 1223 da Federico II.  In seguito, gli abitanti la ricostruirono dove ancora oggi sorge Celano.  Nei secoli la Contea di Celano appartenne a molti feudatari.  Celano oggi è un vivace centro agricolo e industriale.  Ha moderni impianti sportivi e ha un crescente turismo culturale.  A Gennaio, in onore di Santo Antonio, ci sono falò nella piazza principale.  La prima settimana di Agosto c’è la celebre Sagra del Tartufo.  Da visitare, il famoso Castello Piccolomini la cui costruzione fu iniziata nel 1392 e fu terminata un secolo più tardi da Antonio Piccolomini, il cui nome fu dato al castello.  La chiesa di Santa Maria Valleverde, fondata nel XII secolo, contiene preziose opere d’arte.  Le Gole di Celano, lunghe circa 5 kilometri, create dall’erosione carsica a causa della Foce del fiume, le cui maestose pareti di roccia sono in alcuni punti solo 3 metri di distanza.  Non lontano da Celano si trova il sito archeologico di Alba Fucens, colonia romana nel 304 a.C., il cui nome deriva dalla posizione dell’abitato dal quale si poteva ammirare l’alba sul Lago del Fucino.   Essa è racchiusa entro una cinta muraria lunga circa 3 kilometri conservatasi in gran parte fino ai giorni nostri.  Tra le antiche mura si vedono i resti di abitazioni e, anche se gli scavi non sono sistematici, resti di palazzi, strade ed un esteso sistema di passaggi sotterranei usati forse come collegamenti dei sistemi di difesa del sito.  La cucina Abruzzese è molto ricca.  Tra i primi troviamo i maccheroni e gli spaghetti alla chitarra, realizzati con un attrezzo detto appunto chitarra (la sfoglia si pone sopra la chitarra e viene pressata con il matterello facendolo scorrere in avanti e indietro, in modo che i fili della chitarra taglino la sfoglia) che conferisce alla pasta uno spessore squadrato e una consistenza porosa che consente al condimento di aderire completamente.   I sughi generalmente usati sono il ragù misto di carne di manzo, maiale e agnello.  Meno tradizionali sono i sughi di cinghiale o lepre. Tra le paste fresche c’è quella allo “sparone” (strofinaccio) ripiena di spinaci, ricotta e formaggio grattato che viene cucinata tutta avvolta in uno strofinaccio bianco. Dopo averla bollita, viene tolto lo sparone, tagliata a rondelle che, condite con del sugo di pomodoro, si fa gratinare in forno.  Ottima la Polenta all’Abruzzese condita con sugo, pancetta, salsicce, cipolla e abbondante pecorino grattugiato.  Come secondi troviamo gli arrosticini, consistente in carne ovina tagliata a tocchetti ed infilata in spiedini, la cui cottura avviene su di un braciere.  Altre alternative sono porchetta ed il tacchino alla canzanese che viene servito freddo, insieme alla gelatina ottenuta facendo riposare e raffreddando il brodo di cottura dello stesso.    Un piatto unico interessante è quello delle polpette di formaggio e uova che si prepara semplicemente facendo delle polpette con solo mollica di pane raffermo, uova, formaggio da grattugia e aglio. Si fanno dorare friggendole e si saltano in un semplice sugo di pomodoro e basilico.   I svariati e deliziosi dolci hanno come ingredienti farina, olio, vino bianco, ceci, cacao, mosto cotto, cannella, bucce di arancio, pasta di castagne e mandorle tritate, cioccolata fondente, buccia di limone, rum, miele, marmellata di uva nera di Montepulciano, e noci tostate.  Per quanto riguarda i vini abruzzesi, i più famosi nel mondo sono il Montepulciano d’Abruzzo prodotto in tutta la regione, ed il Trebbiano d’Abruzzo.