Lo Zodiaco culinario – Gemelli – La finta panna cotta :-) The culinary Zodiac – Gemini – creamless panna cotta


Finta panna cotta

Gemelli è un segno che rappresenta l’unione degli opposti, la dualità, l’azione dei contrari.  Il nome deriva dal Latino “gemini” e dal Greco “gamos” cioè unione.  E’ un segno che esprime il potere creativo dell’essere umano e i nati sotto questo segno, quando hanno un’idea, si danno subito da fare per metterla in opera.  Sanno valutare le situazioni in modo acuto mentre colgono le sfumature più sottili, e questo rende i Gemelli molto adattabili alle situazioni.  Nei rapporti interpersonali hanno una fonte inesauribile di inventiva, possono a volte sembrare superficiali, ma hanno invece un gran bisogno degli altri dai quali cercano conferma. 

Hanno un ottimo senso dell’umorismo, un temperamento molto celebrale, non sono permalosi e non serbano rancore. Cercano amicizia, complicità e spesso diventano l’anima della festa. In amore sono partner delicati, entusiasti, e mettono il dialogo in cima alle loro richieste. Sono giovani di spirito, hanno molti interessi, sono eloquenti, persuasivi, diplomatici e spontanei.  I nati sotto questo segno sono molto intuitivi, estremamente sensibili, e riescono a fare più cose di quante ne pensano.  Amano i giochi di intelligenza e il riposo, ma sono anche molto contenti di stare all’ aria aperta. 

I Gemelli amano le professioni che portano a viaggiare e dove ci sono molti scambi intellettuali.  Sono portati per i lavori nel campo del giornalismo, dell’editoria, della pubblicità e per le pubbliche relazioni.  Una caratteristica particolare è la mancanza di un metodo ben preciso nel programmare il lavoro, ma tale lacuna è ben sopperita dalla fantasia e dall’improvvisazione, che riescono a far valere con ottimi risultati. Sono dotati di una spiccata dialettica, quindi i Gemelli potrebbero dedicarsi alle professioni quali cronista, speaker radiofonico, insegnante e persino attore.

All’ uomo Gemelli piace la donna elegante, estroversa, comunicativa e un po’ misteriosa.  Alla donna Gemelli piace l’uomo curato, affermato nella vita, divertente, comunicativo e generoso.  I nati sotto questo segno tendono a mangiare in fretta e non danno particolare importanza al modo in cui viene cucinato il cibo o alle porzioni.  A loro vogliamo dedicare una piccola golosità, la finta panna cotta, che ha come ingredienti principali lo yogurt e le fragole… due cose diverse ma che insieme creano armonia per il palato e si complementano… come i due lati del Gemelli. 🙂

Ingredienti:

500 ml  di yogurt alla vaniglia
2 cucchiai di zucchero di canna
10 gr di colla di pesce
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
Fragole a piacere e zucchero

In una ciotola  mettiamo la colla di pesce a bagno in acqua fredda. Polverizziamo lo zucchero con l’aiuto di un frullatore per renderlo più fino e lo aggiungiamo allo yogurt. Prendiamo la colla di pesce, la strizziamo bene e la facciamo sciogliere in un pentolino con un cucchiaio di acqua calda per pochi secondi. La mettiamo poi nello yogurt, amalgamiamo bene il composto, e lo versiamo  in stampi individuali. Lo raffreddiamo in frigo per tutta la notte.  Laviamo le fragole, metà le lasciamo intere e l’altra metà le tagliamo in piccoli pezzi che mettiamo in un pentolino insieme ad un cucchiaio di zucchero.  Le facciamo cuocere a fiamma bassa fino a quando non iniziano a sfaldarsi e ad assumere un colore leggermente più scuro.  Lasciamo raffreddare il composto della copertura, e prima di gustare la finta panna cotta, la togliamo dagli stampi, aggiungiamo la copertura e decoriamo con tante dolci fragole, come nella foto!  Per chi fosse intollerante al latte, può utilizzare lo yogurt di soia alla vaniglia, e chi non usa la colla di pesce per motivi etici, può utilizzare l’agar agar.

*******************************************************************

Gemini is a sign that represents of union of opposites, duality, contradiction in action. The name comes from Latin “gemini” and Greek “gamos” meaning union.  It is a sign that shows the expression of man’s creative power and it is typical of the people born under this star sign to immediately get to work when they have an idea. They are able to evaluate situations very quickly without overlooking the subtle nuances, and this makes Gemini people very adaptable in all situations. In their interpersonal relationships they are an endless source of inventiveness, they can at times seem superficial, but instead they have a great need of others from whom they look for acknowledgement. 

They have a good sense of humour, a very cerebral disposition, they aren’t irritable or resentful.  They look for friendship, empathy and often become the life of the party. When in love, they are attentive, enthusiastic and always give a lot of importance to communication.  Gemini people are young at heart, have many interests, are eloquent, persuasive, diplomatic and spontaneous. They are also very intuitive, extremely sensitive and manage to do more things than they can think of.  They love brain games and relaxation, but they are also very happy when outdoors. 

People born under this sign love jobs that make them travel and those that require intellectual sharing of knowledge.  They are good at journalism, publishing, advertising, and public relations.  The fact that they are not very methological when programming their work, could be seen as a fault, but instead their great creativity and gift of improvisation allows them to obtain great results.  They are born debaters, so Gemini people make great TV reporters, radio announcers, teachers and actors.

Gemini men like women who are elegant, outgoing, communicative and a bit mysterious. Gemini women like men who are clean cut, successful, fun, communicative and generous. People born under this star sign tend to eat quickly without giving much importance to food and how it’s cooked or the quantity.  We want to dedicate this little delicacy to them, the creamless panna cotta (Italian cooked cream that is sweetened, thickened with gelatin and molded), made with yogurt and strawberries… two ingredients that are quite different from each other but when combined, create harmony for the palate and complement each other… just like the two sides of the Gemini.  🙂

Ingredients

500 ml  of vanilla yogurt

2 tbsps of cane sugar

10 gr of isinglass or fish glue

1 tsp of vanilla extract

Strawberries and sugar (as much as you like)

We put the isinglass or fish glue in a bowl with cold water while we pulverize the sugar in a blender.  We add it to the yogurt in a separate bowl, then we squeeze the isinglass well and put it in a small pan with a tablespoon of warm water for a few seconds then we add it to the yogurt. We mix everything well then put this mixture in individual moulds which will be left in the fridge overnight.  We wash the strawberries and leave a few for decoration. The remaining strawberries are chopped and cooked briefly on a low flame with a tablespoon of sugar.  When they become a bit dark and creamy, we place them to cool in a bowl.  Before we enjoy our creamless panna cotta, we take it out of the moulds, pour the strawberries over them and decorate with the whole strawberries, just like our photo!  For those who are lactose intollerant, vanilla soy yogurt can replace the regular yogurt, and for those who prefer to avoid the isinglass for moral reasons, agar agar can be used instead. 

 

Annunci

The Lucca Buccellato… for Logan Guleff, our favourite young chef :-)


(Photos: Buccellato, Logan age 4 making pasta, Logan teaching youths how to make pasta, Logan relaxing, Logan’s great-grandfather on his mother’s side)

It is unquestionable that society, families and childhood have changed drastically over the past 50 years.  Family structures have changed and even the values, life goals and outlooks are dramatically different. We have become a society that relies on televisions, cell phones, radios, and computers.  Few children today know the joy of kicking a ball in the street, or using their imagination to invent a game with whatever odd objects they find around the house, or the thrill of playing hide and seek in a park.  We tend to say that life for children today is more difficult than in past, and in many ways it might be so, but we don’t want to focus here on the pros and cons of growing up in the past or the present.  What we cannot deny, however, is that children today do have opportunities to prove themselves and excel in fields that they are good at.  With a quick internet search we can find names of illustrious child prodigies of the past, many of whom had to struggle to find their place in the world.  Today, it’s not so complicated. 

Nowadays, every aspect of our life is definitely more competitive than in the past, and it’s difficult to protect our children from competitive situations.  Healthy competition, however, can teach youths valuable lessons which will help them throughout their lives.  They can learn the importance of following rules, how to be a good winner and a good loser, and the importance of how to do one’s best when facing a challenging situation.

Arguably, the greatest and most influential invention of the 20th century, perhaps with the exception of the internet, is the television.  It had humble beginnings and was met with quite a bit of scepticism… few people believed that it would actually change our lives and our view of the world.  Since its early days, the television has evolved and in recent years has changed drastically.  Today we are all captivated, and far too many people are more attached to their television than anything else.  Manufacturers, broadcasters, producers, etc. work unrelentingly to find new ways to bring us more and better entertainment.  We have television sets in all sizes, we have special effects, programmes geared towards children and teenagers, we have more channels than we can actually watch, everyone can pretty much find something to watch at any time of the day or night.  We have countless channels and programmes… news, sports, talk shows, documentaries, films, music shows, game shows, talent shows, home improvement, and a genre which has become increasingly popular, reality TV.  A television show that was created in 1990 in the United Kingdom, and is today extremely popular around the world, is the competitive cooking show, MasterChef, and the version created and adapted for children, Junior MasterChef.  Children cook recipes for the chef judges in front of TV cameras and audiences.  The young winners win a trophy and money.

Undoubtedly, this type of programme makes cooking look enjoyable for both adults and children.  Besides, it provides role models and teaches children about different ingredients, how these can be used, and also kitchen skills.  A very positive aspect is that it also encourages children to appreciate good food, choosing this in place of convenient fast food.  The focus is on flavour, pleasure and enjoyment for the senses of taste, sight and smell.  It’s great to see so many children interested in cooking and creating new dishes, and this type of programme encourages parents and children to experience the special bonding that the joy of cooking together as a family can bring.

We wish to dedicate this recipe, the Buccellato, to a truly likeable and clever young boy, Logan Guleff, winner of the 2014 MasterChef Junior competition (the American series based on the format of the U.K. series Junior MasterChef) and his family.  Logan lives in Tennessee with his parents, Tom and Kim, and is a truly remarkable boy who started to cook when he was two years old.  He entered his first contest at age nine, and besides being a chef and winner of numerous competitions, he is a blogger, a certified judge, a spokesperson, a creator of foods, and works with various charities.

We are happy to know that some of his ancestors were Italian.  In fact, his mother’s grandfather was from the quaint little hamlet of Fiano di Pescaglia, of ancient Roman origin, situated about 500 metres above sea level.  Known by Italians as Fiano, it lies in a region that has always been a farming and livestock rearing area, but also important for silkworm breeding.  This region is famous for the silk spinning mills and silk production, as well as the numerous crystal-clear water springs, chestnut trees, olive groves and green grazing fields.  It is situated just a short drive from the seaside and a 30-minute drive from the lovely city of Lucca, a gorgeous Tuscan town enclosed by medieval walls that look over towers, squares and green parks.  Lucca gets its fair share of tourism, and offers all those who visit it the finest foods and charming atmosphere. 

As some may know, the historical affluence of the Italian regions could once be determined by the type of pasta that was produced.  The poorer regions produced a pasta with a simple mixture of flour and water, while the wealthier ones added a few eggs and maybe some olive oil, thus creating a pale yellow pasta.  The bright yellow pasta, with lots of eggs and stuffed with seasoned meat, such as the tortellini, was definitely for the wealthy.  Lucca was a wealthy city thanks to its banking and the very prosperous silk trade, therefore, it’s cuisine was just as rich.   Today, Lucca’s cuisine maintains its fame and has many local specialties, such as barley soup with beans, fried meats and fish, wild boar, a variety of vegetables cooked in every way, and, of course, their popular desserts. 

We have chosen the ever-popular Buccellato to dedicate to Logan and his wonderful family.  This delicious cake, made with raisins and anis seeds, was first created in the mid-1400s and is Lucca’s most traditional cake.  The name comes from the Latin word “buccella” which means mouthful.  It is quite simple with its sweet and soft inside, full of raisins and anis seeds, and the sugar-and-egg-coated outside that gives it a golden shine. An old saying in Lucca goes more or less like this… if you go to Lucca and don’t eat the Buccellato, it’s as if you were never there.  We hope that Logan and his family will someday soon visit Italy, the region of his ancestors, and enjoy a nice slice of Buccellato… in the meanwhile, here is the recipe so Logan can make it himself and feel a little closer to his Italian roots!   

Buon Appetito!
Ingredients

500 gr of flour
150 gr of sugar
50 gr of butter
20 gr of brewer’s yeast
1 glass of milk
50 gr of raisins – 2 tsps of anis seeds

1 egg – a pinch of salt

A beaten egg mixed with sugar to brush on top

We begin by mixing the flour, the sugar, the softened butter, the yeast and one of the eggs in a bowl.  We soften the dough with the milk and a little bit of lukewarm water, then we add the pinch of salt.  We slowly mix in the raisins that we have previously soaked in warm water, then the anis seeds.  The dough is left to rise for approximately two hours, covered with plastic wrap or a dampened kitchen cloth.   When it has risen, we shape the dough into a large doughnut, or into two loaves, we make some small cuts on the top, cover it, and put it in a place to rise again until it doubles in size.  When it is ready, we heat the oven at 130° then we brush the top with the egg and sugar mix.   When the oven is nice and warm, we bake our Buccellato at 170° for about 40 minutes. It’s delicious for dessert, as a snack, or for breakfast… accompanied by a nice hot Italian cappuccino!  🙂

If you want to know more about Logan Guleff, here’s where you can find him:

Website: http://www.loganguleff.com/
Blog: http://orderupwithlogan.blogspot.com/
Instagram http://instagram.com/Logan.Jr.Chef
YouTube: https://www.youtube.com/c/JuniorChefLogan
Facebook: https://www.facebook.com/LoganJuniorChef
Twitter: https://twitter.com/LoganJrChef
YouTube (subscribe) : http://tinyurl.com/ojtd2vg

***********************************************************************

E’ innegabile che la società, la famiglia e l’infanzia hanno subito un cambiamento drastico negli ultimi 50 anni.  La struttura della famiglia, i valori, gli obiettivi e la mentalità sono cambiati moltissimo.  Viviamo in una società che dipende molto dalla televisione, i cellulari, la radio e i computer.  Pochi bambini oggi conoscono la gioia di prendere a calci un pallone per strada, o l’emozione di giocare a nascondino in un parco, oppure sanno usare la loro fantasia per inventare giochi con qualsiasi tipo di oggetto trovato in giro per casa.  Tendiamo a dire che la vita dei bambini oggi è molto più difficile di quelli del passato, e per molti versi é così, ma noi non vogliamo concentrarci su i pro e contro del crescere nel passato o nel presente.  Indubbiamente oggi i bambini hanno molte più opportunità di affermarsi ed eccellere in quei campi dove sono più portati.  Una veloce ricerca in internet ci conferma che ci sono stati numerosi bambini prodigio in passato, molti dei quali hanno dovuto lottare non poco per trovare il loro posto nel mondo.  Oggi questo è meno complicato.

Ogni aspetto della nostra vita, oggigiorno, è sicuramente più competitivo che in passato ed è difficile proteggere i nostro figli dalle situazioni di competitività.  Una sana competizione, comunque, può aiutare i bambini ad imparare delle lezioni preziose che li aiuterà nel corso della vita.  Possono imparare a seguire le regole, ad essere bravi vincitori e bravi perdenti, e l’importanza di dare il meglio quando si trovano faccia a faccia con una sfida.

La televisione è probabilmente la più grande invenzione del 20° secolo, e quella che ha più influenzato la nostra vita, fatta eccezione per internet.  Dalle sue umili origini, quando fu vista con scetticismo dalle tante persone che dubitavano che avrebbe potuto cambiare la nostra vita e come vediamo il mondo,  si è evoluta drasticamente.  Oggi siamo tutti catturati da questo apparecchio, e fin troppe persone sono attirati dalla loro TV più di qualsiasi altra cosa.   Fabbricanti, produttori, emittenti, ecc. lavorano incessantemente per trovare nuovi modi di offrici sempre più e migliore intrattenimento. Abbiamo televisori di ogni misura, abbiamo effetti speciali, programmi mirati per bambini e adolescenti, abbiamo più canali di quanti ne possiamo vedere, insomma, ognuno può tranquillamente trovare qualcosa da guardare in qualsiasi momento del giorno o della notte.  Abbiamo una infinità di canali e programmi… notizie, sport, talk show, documentari, film, spettacoli musicali, giochi a premi, talent show, programmi di ristrutturazione della casa, e un genere che è diventato sempre più popolare, il reality.  Un programma che fu creato nel 1990 nel Regno Unito, estremamente popolare nel mondo oggi, è il programma di gara di cucina MasterChef, e la versione creata e adattata per bambini, Junior MasterChef.  I bimbi cucinano ricette per i giudici chef, davanti alle telecamere e il pubblico.  I giovani vincitori vengono premiati con trofei e somme di denaro.

Certamente questo tipo di programma rende cucinare molto più divertente per grandi e piccoli.  Tra l’altro offre ai bambini modelli da seguire e insegna loro l’esistenza di diversi ingredienti, come questi possono essere usati, e abilità pratiche di cucina.  Un aspetto molto positivo è che incoraggia i bambini ad apprezzare il buon cibo e a scegliere questo al posto del fast food.  Il programma concentra l’attenzione sui sapori, il piacere, e la gioia del palato, la vista e l’odorato.  E’ fantastico vedere tanti bambini interessati alla cucina e la creazione di nuovi piatti, e questo tipo di programma incoraggia le famiglie a volere assaporare quel prezioso legame che si crea quando si cucina tutti insieme.

Noi vogliamo dedicare questa ricetta, il Buccellato lucchese, ad un bambino davvero simpatico e intelligente, Logan Guleff, vincitore della gara MasterChef Junior 2014 (la versione americana basata sul format britannico di Junior MasterChef) e alla sua famiglia.  Logan vive nel Tennessee con i suoi genitori, Tom e Kim, ed è veramente un bambino notevole che iniziò a cucinare quando aveva due anni.  Ha partecipato a molte gare fin da quando aveva nove anni, e oltre ad essere uno chef e vincitore di molte gare culinarie, è un blogger, un giudice abilitato, un portavoce, un creatore di cibi, e lavora con varie organizzazioni benefiche.

Abbiamo saputo con molto piacere che i suoi antenati sono italiani.  Infatti, il nonno di sua madre era di un piccolo borgo di origini antiche Romane di nome Fiano di Pescaglia, a 500 metri sul livello del mare, e non lontano dal mare.  E’ un borgo che si basa sull’agricoltura, la pastorizia, l’allevamento di bachi da seta e produzione di seta, e in passato esistevano tantissime filande nella zona.  In questa regione ci sono numerose sorgenti cristalline, castagneti, uliveti, e pascoli verdi.  Si trova a 30 minuti circa da Lucca, un fiore all’occhiello della Toscana, suggestiva città circondata da splendide mura medievaly, torri, piazze e parchi verdi.  Lucca offre ai suoi numerosi visitatori la possibilità di gustare ottimi cibi in un atmosfera incantevole.

Come molti sapranno, in passato il benessere economico di una regione italiana si poteva capire dal tipo di pasta che veniva prodotta.  Le regioni più povere producevano una pasta fatta con la semplice miscela di farina e acqua, mentre le zone più ricche creavano una pasta di colore giallo chiaro aggiungendo qualche uovo e magari dell’olio di oliva.  La pasta molto gialla, fatta con molte uova e magari anche farcita con carni stagionate, come per esempio i tortellini, era certamente delle regioni più danarose.  Grazie alle sue banche e fiorente commercio della seta, Lucca ha sempre avuto una cucina ricca e gustosa, e oggi mantiene la sua fama con numerose specialità come la zuppa di farro e fagili, carni, pesce, fritti, arrosti, verdure di ogni tipo, e i popolari dessert.

Noi abbiamo deciso di dedicare a Logan e alla sua meravigliosa famiglia il caratteristico Buccellato, ciambella dolce tipica a base di farina, uova, semi di anice, e uvetta, che risale alla metà del 1400.  Il nome viene dal Latino “bucellatum”, buccelli o bocconi, ed è un dolce semplie e gustoso con all’interno una pasta dolce e morbida ricca di uvetta e anice, e un esterno bruno dorato e lucido grazie alla spennellatura con uovo e zucchero.  Un detto lucchese dice più o meno così… se vai a Lucca e non mangi il Buccellato, è come se non ci fossi mai stato.  Noi speriamo che Logan e la sua famiglia possano presto visitare l’Italia, la regione dei suoi antenati, e assaggiare una bella fetta di Buccellato… nel frattempo ecco la ricetta così Logan la può fare lui e sentirsi un pò più vicino alle sue radici italiane!  

Buon Appetito!
Ingredienti

1 uovo

500 gr di farina
150 gr di zucchero
50 gr di burro
20 gr di lievito di birra
1 bicchiere di latte
50 gr di uvetta

2 cucchiaini di semi di anice

Un pizzico di sale

Un uovo battuto con zucchero da spennellare sopra

Iniziamo mischiado in un bowl la farina, lo zucchero, il burro fuso, il lievito e un uovo.  Ammorbidiamo il tutto con il latte and un pò d’acqua tiepida, poi aggiungiamo il sale.  Lentamente aggiungiamo l’uvetta precedentemente ammollata in acqua calda, poi i semi di anice.  Lasciamo l’impasto nel bowl coperto con pellicola o un panno da cucina umido, a temperatura ambiente per almeno due ore.  Quando sarà cresciuto, facciamo la forma che preferiamo, ciambella o filone, facciamo dei piccolo tagli in superficie, lo copriamo, e lasciamo crescere di nuovo finchè non avrà raddoppiato.  Quando è pronto, riscaldiamo il forno a 130°, spennelliamo la superficie con l’uovo battuto con lo zucchero, e quando il forno è ben caldo inforniamo il nostro Buccellato a 170° per circa 40 minuti.  E’ delizioso come dessert, come snack oppure colazione… accompagnato da un bel cappuccino caldo italiano! 🙂

Per saperne di più su Logan Guleff, ecco dove potete seguirlo:

Website: http://www.loganguleff.com/
Blog: http://orderupwithlogan.blogspot.com/
Instagram http://instagram.com/Logan.Jr.Chef
YouTube: https://www.youtube.com/c/JuniorChefLogan
Facebook: https://www.facebook.com/LoganJuniorChef
Twitter: https://twitter.com/LoganJrChef
YouTube (subscribe) : http://tinyurl.com/ojtd2vg

 

 

La Crostata Golosa Vegana… senza burro e senza uova con la frolla di Marco Bianchi :-) Yummy Vegan Fruit Tart… no butter no eggs


Crostata senza burro e senza uova di Marco Bianchi

Crostata Veg Marco Bianchi

Negli animali l’appetito è regolato dall’istinto, mentre negli esseri umani sono le emozioni incontrollabili ad avere la meglio, anche nelle persone che conoscono bene la scienza alimentareIl nostro rapporto con il cibo è sempre meno influenzato dalla natura e sempre più condizionato dalla cultura e dai mass media. Ovunque guardiamo oggi ci vengono mandati messaggi che riguardano il nostro corpo, oltre che la  nostra persona. Sono messaggi che ci dicono che dobbiamo essere alti, biondi, abbronzati, muscolosi, depilati, sessualmente disponibili, ecc. ecc.  Infatti, molte persone hanno difficoltà a separare i propri sentimenti riguardo il proprio corpo, dal livello di autostima

Un esempio chiaro di come i media possono essere dannosi ci viene dato da Lorella Zanardo nel suo libro, Il Corpo delle Donne: “Il problema grave è che, per la grande maggioranza delle donne non in grado di conformarsi a questi valori tangibili, esiste la possibilità di una pesante ricaduta patologica causata dal non riuscire a corrispondere al modello richiesto dalla cultura dominante; una ricaduta che prende la forma dell’anoressia, della bulimia e della dismorfofobia (la percezione del proprio aspetto esteriore come inadatto, inaccettabile). L’univocità del modello corporeo proposto dalla TV italiana è evidente e i dati sull’aumento esponenziale delle malattie legate alla percezione fisica di sé lo confermano.”

La società occidentale oggi fa dell’aspetto estetico l’arma vincente per eccellere, e i casi di disturbi alimentari stanno aumentando.  Negli ultimi anni questo problema è diventato di dimensione sociale, interessando uomini e donne di tutte le età, non più soltanto gli adolescenti.  Negli ultimi decenni l’offerta alimentare è diventata sempre più vasta e abbondante… troppo! Siamo arrivati addirittura allo spreco, mentre proliferano anche i fast food e piatti pronti. Da una parte abbiamo il problema dei media, ma dall’altra c’è la massiccia offerta di cibo. Trovare un equilibrio tra una scelta di vita sana, e la disponibilità esagerata di ogni tipo di prodotti che ci sono sul mercato oggi, è veramente difficile. 

Di recente, però, c’è un risveglio e una presa di coscienza su ciò che mangiamo, come mangiamo e quando mangiamo. Si stanno diffondendo lentamente supermercati biologici, farm market, reparti specifici nella grande distribuzione, e piccole realtà di quartiere come La boutique del biologico di Simona e Sabrina, in Via Andrea Meldola 99 presso il Mercato Vigna Murata.  Per fortuna questi prodotti non sono più di nicchia.

Facciamo parte di una società che fonda la gestione e la distribuzione del potere sull’informazione visiva.  Non bisogna essere spettatori passivi, ma è necessario ricordarsi che i consumatori siamo noi, consapevoli e capaci di riconoscere e valutare cosa compriamo.  

Noi siamo dell’idea di riempire il cuore e non solo la pancia,  gustando pietanze gustose ma allo stesso tempo sane.  Ecco un esempio di come possiamo goderci una bella fetta di crostata golosa e non dannosa!

Ingredienti

250 gr di farina tipo 2
80 gr di zucchero di canna integrale
60 gr di acqua fredda
60 gr di olio di girasole BIO
1 cucchiaino di lievito per dolci
Scorza di limone non trattata grattugiata

Iniziamo polverizzando lo zucchero che andremo a sciogliere nell’acqua, poi aggiungiamo l’olio. In una ciotola setacciamo la farina, aggiungiamo i liquidi, il lievito e la scorza di limone grattugiato. Impastiamo e mettiamo il composto in frigo per circa un’ora. Accendiamo il forno a 180°, stendiamo la frolla e la farciamo come più ci piace. Disponiamo sopra le strisce e inforniamo per circa 30-35 minuti. Stiamo molto attenti alla cottura, quando si colora… è pronta!

Il suo gusto è molto ma molto buono, malgrado la mancanza di burro e di uova, ma la cosa non ci ha sorpreso perché le ricette di Marco Bianchi non deludono mai!  Noi ci siamo ispirate a una crostata di ricotta di Marco Bianchi, utilizzando la pasta frolla della sua ricetta.

Gli ingredienti elencati sono della ricetta originale, ma noi abbiamo apportato delle piccole modifiche. Abbiamo usato 50 gr di farina di riso togliendoli dai 250 del totale della farina (200 gr di farina 2 e 50 gr di farina di riso) per conferire al dolce maggior friabilità. Abbiamo anche usato nell’impasto un cucchiaino di estratto di vaniglia per un maggiore aroma, e una buona marmellata fatta in casa alle fragole. Che dire… non sembra affatto una crostata light.  Va bene per chi è intollerante alle uova e ai latticini, e per tutti coloro che vogliono sentirsi in forma senza rinunciare al gusto di uno dei dolci che Tina ed io amiamo di più! 🙂

*********************************************************************

An animal’s appetite is naturally regulated by its instinct, while in human beings it’s their uncontrollabe emotions da usually take over, even for those people who have a good knowledge of food and nutrition.  Our relationship with food is less and less influenced by nature and more and more conditioned by culture and mass media.  Nowadays, everywhere we turn we receive mixed messages that refer to our body, besides us as people.  Messages that tell us that we must be tall, blonde, tanned, muscular, waxed, sexually open, etc. etc.  In fact, many people find it quite difficult to separate their feelings towards their body image from their level of self-esteem

A clear example of how the media is harmful is given to us in Lorella Zanardo‘s book,  Il Corpo delle Donne: “The serious problem is that, for the majority of women who are incapable of comforming to these tangible values, there’s the possibility of a heavy pathological relapse caused by their impossibility to match the paragons required by the dominant culture; a relapse that can be anorexia, bulimia and dysmorphophobia (the perception that one’s body is inadequate, unacceptable).  The unequivocal body image suggested by the Italian TV is obvious and the data available on the staggering increase of illnesses connected to one’s physical self-perception confirm this.”

Western society shows that physcial attractiveness is the key to success, and consequently eating disorders are increasing.  In recent years, this problem has increased on a social level and is not only limited to adolescents, but includes men and women of all ages.  In the last few decades, the food available on the market has increased abundantly… too much!  We now waste food, and the number of fast foods and ready-to-eat meals are on the rise.  On one hand, there is the problem of the media, but on the other hand there is the massive supply of food available.  It is truly difficult to find a balance between the desire to live a healthy life and the excessive availability of products of all types that are in all food stores and shops today. 

There has, however, been an awakening of consciousness about what we eat, how we eat and when we eat.  There are more and more stores that sell organic foods, farm markets, specific departments in large retailers, and little local neighbourhood shops, such as Simona and Sabrina’s La boutique del biologico in Via Andrea Meldola 99 in the Mercato Vigna Murata in Rome.  Fortunately, these products are no longer a niche market. 

We live in a society that bases the management and distribution of power on visual information.  We can’t be passive spectators, it is important that we all remember that we are the consumers, we’re well aware of what is best for us and we are capable of recognizing and evaluating what we purchase.

We believe that it is possible to fill our hearts, and not only our stomachs, while enjoying tasty meals that are also healthy.  Here’s an example of how we can have a nice slice of fruit tart that is delicious yet not “dangerous”!

Ingredients

250 gr of  stone ground flour
80 gr of raw cane sugar
60 gr of cold water
60 gr of organic sunflower seed oil
1 tsp of baking powder for desserts
Grated lemon peel

We begin by diluting the sugar in water, then we add the oil.  We put the sifted flour in a bowl, add the liquid ingredients, the baking powder and the lemon.  We mix well and place the bowl in the fridge for about one hour.  We heat the oven at 180°, we roll out the shortcrust pastry, then we put our favourite jam on it.  We then place some strips of pastry on top e bake for about 30-35 minutes.  Depending on your oven, make sure to take it out when it turns a golden brown… it’s ready!

It tastes really good, even though it has no butter and no eggs, but we aren’t surprised because Marco Bianchi’s recipes are never a disappointment!

We were inspired by Marco Bianchi’s ricotta tart, and used his shortcrust pastry recipe to make our tart.  The ingredients listed are from the original recipe but we made a few changes.  We used 50 gr of rice flour  and 200 gr of stone ground flour in order to make our tart more crumbly.  We used a teaspoon of vanilla extract in the dough and a homemade strawberry jam.  What more is there to say… it doesn’t look like a low cal tart.  It’s great for people who are intollerant to eggs and lactose, and for all those who want to eat healthy without turning down the chance of enjoying a cake like this, one of Tina’s and my very favourites! 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

Auguri di Buona Pasqua con la pastiera di Sal De Riso :-) Happy Easter with Sal De Riso’s pastiera


 

IMG_5462

Pastiere appena cotte

Sono anni che prepariamo le pastiere… il dolce napoletano tipico della Pasqua, che ha ricevuto il riconoscimento di Prodotto Agroalimentare Tradizionale Campano.  La leggenda vuole che a crearla fu una suora che voleva un dolce per festeggiare la Resurrezione. Unì al grano la ricotta, le uova, la frutta candita, alcune spezie aromatiche e l’acqua di fiori di arancio, dell’aranceto del convento.  Le suore del convento di San Gregorio Armeno a Napoli erano famose per le loro pastiere che preparavano in grandi quantità ogni anno a Pasqua per le famiglie benestanti della città.

Di ricette ne abbiamo veramente provate tantissime… ma quest’ anno abbiamo voluto fare la versione di Sal De Riso, un nome, una garanzia, nonché grande Maestro da noi venerato! Nato a Minori, le sue pasticcerie sono conosciute in tutta la costiera Amalfitana, nonché in tutta Italia da quando ha partecipato a La Prova del Cuoco. Che dire, le sue pastiere sono semplicemente divine… una equilibrata esplosione di sapori!  Sono leggermente diverse dalle precedenti che abbiamo fatto, ma molto molto più buone.  Noi le consigliamo vivamente e su internet si può trovare il video dove il Maestro spiega tutto in modo esauriente.  Si è presentato però un piccolo problema in quanto nel video, in sovraimpressione tra gli ingredienti della frolla, figurano soltanto i tuorli d’uovo mentre nel video lui aggiunge anche le uova intere.  Beh, in fondo i Maestri non rivelano i loro segreti fino in fondo.  

Noi ci siamo regolate così:  abbiamo realizzato 4 pastiere e abbiamo raddoppiato il ripieno. Infatti, la ricetta della frolla è molto abbondante, e ne avanza un po’.  Per le uova abbiamo messo solo i tuorli, sono bastati, anche se nel video il Maestro aggiunge anche quelle intere. Per quanto riguarda la scorza di arancia, abbiamo aggiunto come nel video, anche se non figura tra gli ingredienti, e per il grano ci siamo attenute a non ricuocerlo, proprio come fa lui, è la prima volta!  Dopo la cottura, come nostra abitudine abbiamo lasciato il dolce ad asciugare in forno spento.

Ingredienti:

Per il Ripieno:

125 gr di zucchero vanigliato

330 gr di ricotta di mucca

275 gr di zucchero semolato

330 gr di grano cotto

170 gr di crema pasticcera

170 gr di bucce d’arancia candite

1 bacca di vaniglia

400 gr di uova intere

cannella liquida

acqua di fiori d’arancio q.b.

200 gr di latte

la scorza d’arancia non tratta grattugiata

Per la Pasta frolla:

600 gr di burro bavarese

400 gr di zucchero semolato

120 gr di tuorlo d’uovo

15 gr di sale

1 bacca di vaniglia

scorza di un limone grattugiata

750 gr di farina debole

250 gr di fecola di patate

Per la ricetta della nostra crema pasticcera cliccare qui:

https://emozioniculinarie.wordpress.com/2015/09/17/la-crostata-di-fragole-de-lavaligiablu/

Iniziamo preparando la frolla… a mano senza impastatrice, con un burro morbido, a temperatura ambiente da 12 ore.  Mettiamo la farina debole e la fecola a fontana, versiamo lo zucchero, il sale, le uova, il burro, i semini del baccello di vaniglia, e la scorza di un limone. Impastiamo e mettiamo a riposare in frigo per qualche ora. Stendiamo la frolla in due tortiere e le rimettiamo in frigo. Intanto prepariamo il ripieno mettendo il grano cotto a bagno con un po’ di latte e lasciamo da parte. In una ciotola mettiamo la ricotta, lo zucchero semolato e lo zucchero a velo, lavoriamo un po’ e aggiungiamo la crema pasticcera il grano, i semini del secondo baccello di vaniglia, qualche goccia di cannella liquida e non in polvere altrimenti diamo un brutto colore al ripieno, l’acqua di fiori di arancio, le uova, la scorza di un’arancia e i canditi. Versiamo il ripieno nel guscio di frolla, creiamo otto strisce che posizioneremo a rombo sopra le pastiere, e inforniamo a 160°-165° (calore moderato) per circa 45-50 minuti. Dopo la cottura noi le lasciamo asciugare per un’oretta nel forno spento, ma ognuno conosce il proprio forno.

Siamo molto soddisfatte di questa ricetta… può essere ovvio ma possiamo chiamarla sua Maestà la Pastiera! Anche  i colori sono perfetti e le strisce di frolla perfettamente amalgamate con il ripieno.  Un’ultima precisazione:  spesso abbiamo sentito persone dire “metto meno zucchero perché la pastiera è troppo dolce”… “metto meno uova perché è più leggera”… “non metto i canditi perché non mi piacciono e neanche l’acqua di fiori d’arancio”!  Siamo liberi di fare ciò che vogliamo ma in questi casi faremo una crostata di ricotta senza gli aromi che la distinguono e dal colore giallo paglierino… perché il colore tipico della pastiera lo danno le uova e lo zucchero.  Quindi, se vedrete una pastiera gialla saprete già in anticipo cosa vi aspetta! 🙂

Che dire… per noi non c’è Pasqua senza pastiera!  Tanti auguri a tutti di Buona Pasqua e buon appetito! 🙂

Pastiera dopo il sacrosanto riposo di quatto giorni prima di essere mangiata

******************************************************************

We’ve been preparing the pastiera for years.  Do you know what a pastiera is?  Well, for those of you who are not of italian origin, it is an Easter cake made with boiled wheat, eggs and ricotta cheese.  It originated in the area of Naples and was originally used during the celebrations of Spring.  It is said that it was first created in a convent by an unknown nun who wanted a special cake to symbolize the Resurrection. She mixed wheat, ricotta cheese, eggs, candied citron, some aromatic spices and water which was made fragrant with the flowers of the orange trees that grew in the convent gardens. The nuns of the ancient convent of San Gregorio Armeno in Naples were considered the best pastiera makers and they baked many every year for the rich families during Easter time.  The pastiera is usually baked a few days in advance but no later than Good Friday, in order to allow for all the ingredients to mix properly together and give it its unique flavour.

We’ve tried so many different recipes over the years, but this year we’ve decided to share with you Sal De Riso’s version.  His name is a guarantee of quality and delight, he is a Master in the art of pastiera baking!  He was born in Minori and his pastry shops are known all over the Amalfi coast, and now all over Italy since he appeared in the TV show called La Prova del Cuoco.  His pastiere are divine… a harmonious explosion of flavours! They are a bit different from the other types we baked in the past, but much more delicious.  If you wish, you can watch his video on the internet.  There is only a slight difference between the eggs listed in the list of ingredients that appear in the notes and the eggs he actually uses in the video.  Well, guess these Master bakers don’t really give away their secrets so easily.   This is what we did:

Ingredients:

For the filling:

125 gr of powdered sugar

330 gr of ricotta made from cow milk

275 gr of sugar

330 gr of cooked grain

170 gr of custard

170 gr of candied orange peel

1 string of fresh vanilla or the equivalent in extract

400 gr of whole eggs

orange flower water 

200 gr of milk

liquid cinnamon

grated fresh organic orange peel

For the shortcrust pastry:

600 gr of butter

400 gr of powdered sugar

120 gr of egg yolks 

15 gr of salt

1 string of fresh vanilla or the equivalent in extract

grated lemon peel

750 gr of flour

250 gr of potato starch

 

You can find our recipe for the custard on this page of our blog:

https://emozioniculinarie.wordpress.com/2015/09/17/la-crostata-di-fragole-de-lavaligiablu/

First we prepare our shortcrust pastry… by hand, with soft butter kept at room temperature for 12 hours.  We mix the flour and the potato starch and create a small crater, then we add the sugar, the salt, the eggs, the butter, the vanilla, and the lemon peel.  We mix well and leave it to sit for a few hours in the fridge. We roll out the pastry in two cake tins and put them back in the fridge.  Then we prepare the filling, first we put the grain to soak in a bit of milk and set it aside.  We put the ricotta and the sugars in a bowl and mix, then we add the custard, the grain, the vanilla, a few drops of liquid cinnamon (not powdered cinnamon or else the pastiera becomes dark), the orange flower water, the eggs, the orange peel and the candied peel.  We pour the filling in the pastry, then we cut strips of shortcrust pastry which we place on top creating diamond shapes.  We bake our pastieras in a moderately-heated oven, at about 160°-165° for about 45-50 minutes.  When done, we leave them for about an hour in the oven with its door open so they can dry. 

We’re very happy with this recipe and we might as well call it your Excellency!  What’s there to add… for us it’s not Easter without a pastiera! Best wishes to all for a Happy Easter and enjoy! 🙂

 

 

 

Caffebook.it – Storie Culinarie: la brioche fatta in casa :-) Culinary Stories: homemade brioche


 BriocheBenvenuti al quinto appuntamento con le nostre storie culinarie. 

Quelle persone che in inglese vengono chiamate breakfast skippers, coloro che preferiscono non fare colazione, sono per fortuna diminuite. Sempre più italiani considerano questo pasto importante, e non ci rinunciano.  Molti scelgono il dolce, altri preferiscono il salato, e altri ancora addirittura una combinazione di entrambi.  Negli anni 80 ci fu la nascita di una grande curiosità per il gusto dei cibi in generale, ma soprattutto per quelli da colazione. Nella seconda metà degli anni 90, iniziò una corrente salutista… nel linguaggio comune e nelle pubblicità spuntarono parole come wellness e fitness, il concetto del “meno grassi”, “meno zucchero”, “più fibra” e la parola light si diffuse sempre più.  Diminuì il consumo di burro, e il latte diventò sempre più scremato. La fretta che prima caratterizzava la vita degli italiani, un po’ si è modificata negli ultimi decenni e sempre più persone hanno preso coscienza dell’importanza di una sana colazione, consumata in famiglia. Secondo le statistiche, oggi una famiglia su tre si riunisce per gustare insieme un pasto salutare.  La colazione è diventata più bilanciata, con un corretto mix di carboidrati complessi, zuccheri semplici, grassi e proteine. Non sempre, però, la scelta cade su una sana colazione e le statistiche del 2015 dicono che ancora un italiano su 2 frequenta bar e ristoranti, e che 5 milioni di persone ogni giorno fa colazione al bar consumando in piedi un caffè o un cappuccino, accompagnato da un cornetto o una brioche.  Questi purtroppo sono prodotti ricchi di grassi saturi.  Infatti, tra i top ten dei cibi da evitare perché danneggiano la nostra salute, troviamo la margarina, molto diffusa tra i prodotti industriali da forno. Si tratta di un prodotto ottenuto mediante l’idrogenazione di oli vegetali, spesso olio di palma, e quelli che vengono chiamati non idrogenati contengono spesso un alto contenuto di grassi saturi.

Ai giorni nostri va molto di moda la parola SENZA! … senza burro, senza grassi, senza lievito, senza colesterolo, senza lattosio, senza glutine, senza zucchero, senza grassi idrogenati, senza olio di palma e via dicendo… ma ci domandiamo, con tutti questi SENZA, cosa stiamo mangiando? 

Continua su questo link:

http://caffebook.it/tecnologia/item/516-storie-culinarie-la-brioche-fatta-in-casa.html

*********************************************************************

Welcome to our fifth appointment with our culinary stories.

Many foreign words are used in the Italian language to give a concept greater impact.  When speaking of Italian culture and the eating habits of the Italians, there is a category of people called breakfast skippers. These have diminished greatly in recent years, and more and more people understand the importance of a healthy, balanced breakfast, preferably eaten at home with the family. Many people choose sweet things, while others prefer savoury, and others a combination of both. In the 1980s, in Italy, people started to show a great interest in the different flavours of foods in general, and most of all for the breakfast foods. In the second part of the 1990s more attention was focused on health and nutrition… words such as “wellness” and “fitness” entered the Italian vocabulary, as well as the word “light” which was used to express the idea of healthier foods. The idea of less fat, less sugar and more fibre in foods became very popular. The consumption of butter diminished and milk became less fat. Italian people have started to slow down and pay more attention to the first meal of their day, their breakfast.  In the last decades, in fact, the ritual has changed and according to the latest statistics, in Italy 1 family out of 3 enjoy a nutritious breakfast at home with the family.   Breakfast has become more nutritious and it includes a more balanced mix of complex carbs, simple sugars, fats and protein.

Unfortunately, however, not everyone can make a healthy choice, and according to the 2015 statistics today 1 Italian out of 3 still eats meals in bars and restaurants, and 5 million people have a quick coffee or cappuccino, accompanied by a cornetto or brioche, standing up in a bar. These products, though, are rich in saturated fats.  In fact, in the list of the top ten foods to avoid because they are harmful for our health, we find margarine, an ingredient very much used in industrial products.  It’s obtained with the hydrogenation of vegetable oils, often palm oil. Those products called non-hydrogenated usually contain a lot of saturated fats.

Nowadays, another word that is very popular in the vocabulary of the Italians is SENZA which means WITHOUT, but when speaking of food, we could say it is used like the English word FREE… butter free, fat free, yeast free, cholesterol free, lactose free, gluten free, sugar free, hydrogenated fat free, palm oil free, and so on… and we ask ourselves, with all this SENZA/FREE, what are we really eating? 

Continues on this link:

http://caffebook.it/tecnologia/item/395-culinary-stories-recipe-for-a-delicious-homemade-brioche.html

I cornetti de Il Corniolo :-) Il Corniolo’s cornetti (or croissant?)


Cerchiamo il silenzio puro, la pace, la tranquillità, i profumi del bosco e dei prati? Vogliamo ammirare un campo di girasoli e filiere di frutti di bosco, un piccolo orto e grandi vasi di alberi di agrumi?  Vogliamo una piscina dove rilassarci lontani dal caos della città? E magari la sera vogliamo il buio totale per poter vedere le lucciole svolazzare?  Sembra impossibile ma non lo è!  Vogliamo svegliarci la mattina con il canto degli uccellini alle prime luci del giorno e trovare una tavola apparecchiata per la colazione con prodotti speciali… pane con lievito madre integrale, marmellate fatte in casa e cornetti divini?  Sembra impossibile ma non lo è perché questo luogo esiste e si chiama Il Corniolo!  Si trova in Umbria vicino Perugia,  città fondata dagli Etruschi, ricca di storia, arte, monumenti, nonché sede culturale e universitaria.

Il Corniolo è un posto speciale, perché è speciale chi lo cura e lo ama, la Signora Franca. Mi è rimasto nel cuore durante un mio soggiorno nel mese di Giugno, come mi sono rimasti nel cuore i suoi cornetti, sfogliati con solo 150 grammi di burro. Grazie agli insegnamenti della Signora Franca ho imparato a farli, e abbiamo voluto replicarli per voi!

Ingredienti
500 grammi di farina forte
50 grammi di zucchero
150 grammi di lievito madre oppure 20 grammi di lievito di birra
275 grammi di liquido di latte e 2 piccole uova mischiati insieme
Scorza di limone e arancia
1 cucchiaino di sale
25 grammi di burro
150 grammi di burro per la sfogliatura

La sera prepariamo l’impasto brioche.  Sciogliamo il lievito, aggiungiamo la farina piano piano, poi le uova con il latte, gli aromi e infine il sale. Impastiamo bene e alla fine incorporiamo il burro tagliato a dadini mettendolo un poco alla volta. Quando l’ impasto sarà ben lavorato e liscio, lo poniamo in una ciotola con coperchio, e lo lasciamo lievitare in frigo per tutta la notte. Al mattino stendiamo il burro tra due fogli di pellicola, in una sfoglia sottile.  

Stendiamo l’impasto e mettiamo sopra la sfoglia di burro.  Facciamo una piega a quattro e lo lasciamo in un vassoio coperto con pellicola, per una mezz’ora in frigo. Dopo lo riprendiamo, lo stendiamo sempre con dei colpetti di mattarello, e prima di piegarlo in tre, per non fare uscire il burro, ci passiamo sopra il mattarello per 2 o 3 volte.

Dopo averlo piegato a tre, lo rimettiamo in frigo.  Ripetiamo questa operazione per altre due volte.  Dopo l’ultima piega e il riposo di mezz’ora, lo stendiamo in un lungo rettangolo e ricaviamo dei triangoli a forma isoscele. Li arrotoliamo partendo dalla base e li mettiamo a lievitare fino al raddoppio.

Noi abbiamo utilizzato il lievito madre quindi la seconda lievitazione è durata tante ore, dalla mattina alla sera.  Chi usa il lievito di birra, il tempo sarà minore.  Una volta lievitati li abbiamo spennellati con il latte e infornati a 180° fino a che non hanno assunto il loro caratteristico colore.  Il profumo è inebriante… una bella esperienza oserei dire… come è stato il mio soggiorno a Il Corniolo e l’avere conosciuto la Signora Franca! 🙂

 

http://www.agriturismocorniolo.it/en

********************************************************************

Do we want silence, peace, tranquillity and the clean smell of woods and fields?  Do we want to admire a field of sunflowers or mixed berries or vegetables and planted citrus fruit trees?  Do we want a pool where we can relax away from the city chaos? … and maybe total darkness where we can enjoy watching fireflies at night?… it’s not impossible!  Do you want to wake up in the morning hearing birds chirping at dawn and find a breakfast table set just for you with special products like homemade bread, jams and divine cornetti… because all this is absolutely possible at Il Corniolo!  It’s in Umbria, near Perugia, a city founded by the Etruscans, rich in history, art and monuments, a cultural and touristic destination, as well as home to a renowned university.  

foto 1 (1)foto 2 (2)

Il Corniolo is a very special place because the owner who loves it and cares for it is special… Signora Franca. I had the pleasure of meeting her during my holiday at her farmhouse in June, and I’m very fond of her, as I am fond of her delicious cornetti, prepared with only 150 grammes of butter.  You might be wondering what the difference is between a cornetto and a croissant.  Well, basically it’s all in the lamination process and the amount of butter used. French croissants have more butter and the folding and rolling process allows for the rolled dough to have many layers of butter in it, making the final result crispy and flaky. Italian cornetti are not laminated as much, jhave less butter, can contain more sugar, and the final result is more similar to enriched bread or cake.  Thanks to Signora Franca, who taught me her recipe and her technique, we’ve decided to prepare them together… and here they are!

Ingredienti
500 grammes of strong flour
50 grammes of sugar
150 grammes of starter or 20 grammes of regular bread yeast
275 millilitres of milk and 2 small eggs beat together
Grated lemon and orange peels
1 tsp of salt
25 grammes of butter
150 grammes of butter for the pastry

We prepare the dough the night before.  First we melt the yeast in a bit of water at a room-temperature, then we slowly add the flour, the eggs and milk, the grated fruit and lastly the salt.  We knead well and finally mix in the diced butter, a bit at a time.  When this is all mixed and the dough is smooth, we place it in a bowl with a lid and leave it in the fridge all night.  The next morning, we flatten out the butter with a rolling pin, hitting it a few times gently, not rolling it, while it is in plastic wrap.  

We roll out the dough and place the rolled out butter on it, we fold it in four and leave it on a tray, covered with plastic wrap, and place it in the fridge for half an hour.  After that, we take it out, flatten it gently with the rolling pin then roll the rolling pin over it 2 or 3 times with just enough pressure to prepare it for folding without letting the butter seep out. 

After we’ve folded it 3 times, we put it back in the fridge.  We do this two more times. After the last half-hour rest and folding process, we roll it out into a rectangle and cut isosceles triangles which we then roll starting from the base, and we leave them to rise until double the size.

We use our starter so the second phase of rising lasts many hours, from morning to evening, but if you use regular yeast it will take less time.  Once the cornetti have risen, we brush some milk on them and place them in the oven at 180° to bake until golden.  The smell from the oven is inebriating… a great experience I would say… just like my holiday at Il Corniolo and having made friends with Signora Franca! 🙂

 

http://www.agriturismocorniolo.it/en

 

Il Carnevale di Emozioni Culinarie :-) Food & Friends Italian Styles’ Carnevale


Un’idea golosa da parte di Emozioni Culinarie per un allegro Carnevale!

Le nostre castagnole in versione fritte e al forno e le nostre frappe.

FullSizeRender

Come potete leggere nel nostro libro Emozioni Culinarie . . . “La tradizione delle frappe ha origini antichissime, infatti risale addirittura a quella della “frictilia” , ovvero il dolce fritto nel grasso che gli antichi romani preparavano durante i festeggiamenti in onore delle divinità protettrici della fecondità rurale.  Oggi sono conosciute con nomi differenti nelle varie regioni d’Italia.  A volte cambia non solo il loro nome ma anche la forma con cui la sfoglia viene tagliata.  Che siano chiamate ‘bugie’ in Piemonte, ‘cenci’ in Toscana, ‘chiacchiere’ nel meridione,  ‘frappe’ nel Lazio, o ‘saltasù’, ‘stracci’, ‘pampuglie’, ‘frittole’ o ‘manzole’ in altre regioni, rimane il fatto che ricoperte di miele, cioccolato o zucchero a velo il loro gusto e sapore rimane invariato e irresistibile!  E’ bello notare  che durante il periodo di Carnevale l’odore di questi dolci tipici si avverte nell’aria molto prima che si passi davanti ad un forno o una pasticceria.  Infatti, in quei periodi capita spesso che rientrando a casa dalla spesa mi metto subito all’opera.  Dispongo sul tavolo tutto il necessario ricordandomi la rotellina dentellata per le frappe e un sac à poche usa e getta per le castagnole, indispensabili in questo caso.  Il procedimento per le frappe è identico a quello per la pasta frolla, quindi una volta sfarinata la farina aggiungo gli altri ingredienti.   Quando l’impasto è pronto, lo lascio riposare nel frigo per una mezzoretta.  Il procedimento per le castagnole è abbastanza semplice ed è simile a quello del ciambellone.  Inizio con il montare le uova con lo zucchero, aggiungo il pizzico di sale, il burro fuso, il latte, la scorza grattugiata di un limone o una arancia non trattati, il liquore e la farina.  In una pentola dai bordi alti metto l’olio a scaldare, circa due litri.  Nel frattempo preparo un sac à poche versando al suo interno l’impasto delle castagnole.  L’olio deve raggiungere la giusta temperatura, che in questo caso deve essere media e non troppo forte, per permettere alla castagnola di cuocere bene al suo interno. Taglio la punta del sac à poche in obliquo e con la mano sinistra spingo l’impasto nell’olio mentre con la destra lo taglio con un coltello man mano che fuoriesce.  In questo modo si ottengono delle castagnole perfettamente sferiche.  Chi non ha un sac à poche può usare il metodo dei due cucchiaini e il risultato sarà quello di avere delle castagnole non perfettamente sferiche.  E’ bene ricordare questa regola: la frittura va messa insieme e tolta insieme, nel senso che se un alimento si cuoce prima e quindi deve essere tolto, non dobbiamo aggiungere quello crudo mentre il resto sta finendo di cuocere perché altrimenti si abbassa la temperatura dell’olio pregiudicando il buon risultato.  Man mano che friggo, le adagio su un piatto con carta assorbente e in seguito le passo su un vassoio.  Secondo i gusti, si possono spolverare con zucchero semolato o a velo vanigliato.  Nel frattempo l’impasto delle frappe ha riposato, quindi ne prendo un piccolo pezzo e lo stendo sul piano di lavoro leggermente infarinato.  Preferisco stenderlo a mano ma si può benissimo usare la sfogliatrice, basta che la sfoglia risulti sottilissima, quasi trasparente.  Con la rotella dentellata le taglio in rettangoli piuttosto grandi, circa 10 cm per 15 cm, incidendo nel centro due tagli orizzontali.  Ne friggo due alla volta, visto la loro grandezza, a una temperatura piuttosto allegra.  Man mano che sono cotte, operazione molto veloce poiché sono sottilissime, le adagio su un foglio di carta assorbente e, quando sono fredde, le cospargo di zucchero vanigliato creando quella piramide da me amata. Inutile dire quale persistente profumo si sprigiona.  E’ così meraviglioso che per me fa tanto Carnevale! Non siamo in Egitto, mi manca solo il costume di Cleopatra per la presentazione ideale di questa piramide dolce!”

FullSizeRender (2)

Ingredienti:

Per le frappe:

400 gr di farina 00

60 gr di zucchero semolato

2 uova intere

100 gr di burro freddo

1 bicchiere di marsala o vermouth

2 litri di olio di arachide

Zucchero a velo per decorare

Per le castagnole:

4 cucchiai di latte

Scorza grattugiata di un intero limone

4 uova intere

4 cucchiai di burro fuso

8 cucchiai di zucchero

1 bustina di lievito per dolci

1 bicchierino di sambuca o limoncello

500 gr di farina 00

1 pizzico di sale

Zucchero semolato per decorare

FullSizeRender (1)

Per chi vuole provare una alternativa light, si possono cuocere le castagnole in forno a 200° per 10 minuti, si può sostituire la farina 00 con la farina di farro, il latte con un latte vegetale e al posto del burro si può usare un olio di mais, riso, girasole . . . ma il bicchierino del nostro limoncello fatto in casa non deve mancare! 🙂

**********************************************************************

For a fun carnevale . . . here are our fried and baked frappe and castagnole

We want to wish everyone a happy Carnevale with our fried and baked castagnole and our frappe.  As you can read in our book, “The tradition of making frappe in Italy goes way back to the ancient Roman times and was originally called frictilia, a dessert fried in lard prepared during the celebrations in honour of the gods of fertility. Today they are known all over the Italian peninsula with different names and different shapes, but whether they are called “bugie” in Piemonte, “cenci” in Tuscany, “chiacchere” in the south, “frappe” in Lazio, or even “salta-sù”, “stracci”, “pampuglie”, “frittole” o “manzole” in other regions, covered in honey, chocolate or powdered sugar,  the fact is that they are irresistible!  At Carnival time it’s so pleasant to smell the aroma of these typical treats  everywhere you go since it lingers in the air outside homes, bakeries and pastry shops. In fact, their smell is so appetizing that it often get straight to work on my making them when I return home from my grocery shopping.  I prepare all the utensils I will need, remembering my pastry cutter wheel for the frappe and the disposable pastry bag which is essential for the castagnole. To make the frappe I follow the same procedure for the shortcrust pastry so once the flour is sifted, I add the other ingredients.  Once the dough is ready, I let it sit in the refrigerator for half an hour.  The castagnole are quite simple to make and the mix is similar to the ciambellone or bundt cake recipe.  I beat the eggs with the sugar then add the softened butter, the grated lemon peel, the milk, the limoncello, the baking powder and the flour, then I pour about two litres of vegetable oil in a high-rimmed pot and put it on a low flame to heat, in the meanwhile I fill the pastry bag with the castagnole mix. The oil needs to be just right, medium temperature and not too hot so as to allow for the castagnola to cook also on the inside. I slowly push the dough from the pastry bag into the oil with my left hand cutting the dough as it comes out with my right hand using a sharp knife in order to create perfectly round castagnole once they fall into the oil.  If you don’t have a pastry bag, you can use two teaspoons but the result won’t be as perfect. Don’t forget this very important rule when frying: the portions must be put in the oil and taken out together, never add more raw mix with the one that is already frying otherwise it modifies the temperature of the oil and the results won’t be as good.  As I take the fried castagnole out of the oil, place them first on a plate with blotting paper so it can absorb the excess oil and I allow them to cool for a few minutes then put them on a tray. They can be sprinkled with sugar or vanilla-flavoured powdered sugar according to taste.  At this point the dough for the frappe is ready too so I take a small piece and spread it out with my hands on my work table which I’ve sprinkled with flour so the dough won’t stick.  You can also use a dough sheeter if you like, as long as the final result is a really thin, almost see-through pastry.  Then, using my pastry cutter wheel, I cut 10×15 cm large rectangles, make two horizontal cuts down the middle and fry them two at a time on a lively flame.  They fry very quickly because they are so thin, then I put them on blotting paper and once they have cooled off I sprinkle them with vanilla-flavoured powdered sugar. Needless to say, as I place them on a tray, creating a beautiful pyramid of sweetness, their aroma is inebriating and mouth-watering.”  –  “Our guests are about to arrive for our yearly masquerade party, my pyramid of yummy treats is ready, the living room is decorated, our costumes are all laid out…  all I have to do is slip into my Cleopatra outfit and meet our friends at the door with my tray of sweet goodies!”

Ingredients:

  • For the frappe

400 grams of wheat flour

60 grams of sugar

2 whole eggs

100 grams of cold butter

1 glass of marsala or vermouth (if you like)

2 litres of vegetable oil

Powdered sugar to decorate

  • For the castagnole

4 tbsps of milk

1 grated lemon peel

4 whole eggs

4 tbsps of butter

8 tbsps of sugar

16 grams of baking powder for desserts

1 small glass of limoncello (if you like)

500 grams of wheat flour

1 pinch of salt

Sugar for decorating

For those who prefer a lighter version, just bake the castagnole in the oven at 200° for 10 minutes and substitute the regular flour with spelt flour, substitute the dairy milk with soy milk, and instead of using butter use a corn, rice or sunflower oil … but don’t leave out a good dash of limoncello,better if home made! 🙂

 

Le ciambelle di Emozioni Culinarie :-) Food & Friends’ doughnuts


IMG_4992

Ogni momento è buono per una ghiotta ciambella!

Per saperne di più basta andare a pagina 139 del nostro libro Emozioni Culinarie!  

Per chi non l’ha ancora comprato in libreria, è disponibile online e anche in versione e-book!

http://www.ibs.it/code/9788868311056/ferraiuolo-tina/emozioni-culinarie.html

Buona lettura e buon appetito !!! 🙂

**********************************************************************

Doughnuts are yummy any time of the day!

To see how to make these delights just go to page 121 of our book Food & Friends ❤ Italian Style ❤ !

If you haven’t bought it yet, it’s available online at amazon.co.uk and ibs.it !

http://www.amazon.co.uk/s/ref=nb_sb_ss_c_0_19?url=search-alias%3Dstripbooks&field-keywords=food+and+friends+italian+style&sprefix=Food+and+Friends+It%2Caps%2C978

http://www.ibs.it/code/9788868311438/ferraiuolo-tina-ordioni-cristiana/food-friends-italian.html

Enjoy both the reading the book and eating the doughnuts!!! 😉

Ciambelle di Barbara

 

Caffebook.it – Storie Culinarie: come nasce il biscotto :-) Culinary stories: the origin of biscuits


Storie Culinarie: come nasce il biscotto.

 Benvenuti al terzo appuntamento con le nostre storie culinarie.

Nei nostri primi articoli abbiamo parlato della colazione, della merenda e di come questi sono cambiati negli anni per gli italiani.  Sappiamo che un’adeguata colazione consumata con calma è un ottimo contributo al mantenimento di un buono stato di salute. Consumare una colazione regolarmente migliora la qualità della dieta e soprattutto ci dà energia per iniziare la giornata.  Una buona colazione ci gratifica, ci nutre nella maniera giusta, ed è un rituale fatto di gesti quotidiani che creano un momento di condivisione con la famiglia, diventando un’occasione giornaliera di scambio, sia verbale che affettivo.  Ai tempi dei nostri nonni, bisnonni e bis-bisnonni… insomma tanti, tanti anni fa… la prima colazione era di pane e latte.  Il pane veniva fatto in casa preparando un impasto con farina, lievito, acqua e sale, oppure si andava dal fornaio a comprarlo. Il latte veniva venduto sciolto in latteria dove si andava con la bottiglia vuota e il lattaio la riempiva attingendo da un grande contenitore.  Negli anni le abitudini cambiarono lentamente, e il grande salto fu fatto i primi del 1800 quando furono inventati i primi fornelli a petrolio, quelle a gas, le ghiacciaie, le macchine per il caffè e tanto altro.  Le prime macchine industriali arrivarono in Italia via mare dall’Inghilterra, e proprio nel nord Italia presero vita alcune importanti esperienze imprenditoriali.  Uno dei primi prodotti che furono resi disponibili per tutti fu, per esempio, il biscotto che prima era considerato un simbolo di esclusività, era un prodotto costoso che veniva venduto in preziose scatole di legno o latta decorati con disegni liberty di eleganti signore o colorati velieri.  Ancora oggi si possono trovare se si fa visita a qualche negozio vintage e mercatino.

Continua su questo link:

http://caffebook.it/tecnologia/item/419-storie-culinarie-come-nasce-il-biscotto.html

 

Frollini

*******************************************************************

Culinary Stories: the origin of biscuits

Welcome to the third appointment with our culinary stories.

In our first article we spoke about breakfast, snacks and how these have changed over the years in Italy. We all know that a healthy breakfast is a great way to stay in good health.  Eating breakfast regularly improves the quality of our daily diet and gives us the energy we need to start our day.  It is gratifying, nourishing and is also a ritual of daily gestures that we share with our loved ones that gives us time for verbal and emotional sharing.  When our grandparents, great-grandparents and great-great-grandparents were young… well, sooooo many moons ago… breakfast was basically milk and bread.  The bread was usually baked at home and prepared with white flour, yeast, salt and water, or it was purchased at the local baker’s.  Milk was sold in milk shops kept in large containers and one would go get refills for their empty bottles.  Things changed gradually with time and in Italy the biggest change arrived in the early 1800s when gas stoves, ice boxes, coffee machines, and so many other appliances appeared on the market.  The first ones arrived in Italy by sea from England, and the first factories started right there in the northern regions of the country.  One of the first products to be made available to everyone was, for example, the biscuit which before that time was considered a product for the elite.  It was expensive and sold in lovely metal or wooden boxes with elegant designs of ladies or ships painted on them in liberty style.  These can still be seen today in vintage or antique shops.  Factories brought biscuits in everyone’s home and these became the bestselling breakfast product.  Someone might remember the first ones that appeared on the market and which are still sold today… a square biscuit with crenellated borders, or the round doughnut-shaped one with frosted sugar on it.  These little delights have accompanied so many of us from our childhood with their infinite shapes, forms and flavours.  The origin of the biscuits go hand in hand with the history of sugar.  Over the centuries the techniques have improved, but the very first biscuits, it is said, were first made in ancient Rome.  Then at the beginning of the middle ages, monks became popular for their expertise in combining honey to their dough, thus making it sweet.  The baker’s corporations then formed and these people enriched the recipes with new aromas and flavours by using the spices arriving from the Orient:  cinnamon, pepper, anis, and clove.  All this contributed to the territorial identification of certain biscuits made in Italy, such as the amaretti from Lombardy, the cantucci from Tuscany, and the tarallucci from the central regions. The word biscuit derives from the Latin “panis biscotus” which means bread baked twice.  This double baking process allowed for the biscuits to be saved longer.  In Italian the word is biscotto, in English we say biscuit, but the word cookie comes from the Dutch word for small round cake. The very popular chocolate chip cookie that is known all over the world, and is the most popular biscuit in America, was invented in 1937 by Ruth Graves Wakefield who managed a popular restaurant in Massachusetts.  It was actually made world famous, though, by Betty Crocker in 1939 during a radio programme.  Statistics say that 6 Italians out of 10 eat biscuits for breakfast and there are hundreds of different types on the market today.  We want to suggest our frollino!

Ingredients:

300 gr of flour

125 gr of butter

150 gr of sugar

1 whole egg and one egg yolk

A dash of salt

1 tsp of baking powder

Grated lemon or orange peel

Put the sifted flour and baking powder in a bowl, add the cold and diced butter and beat with an electric beater until it gets thick.  Add the salt, the sugar, the fruit peel and lastly the eggs which have been lightly whipped.   If you prefer to make the biscuits by hand then just mix the butter with the sugar then add the eggs, the salt and the fruit peel, and lastly add the flour and baking powder quickly.  Place the dough in the fridge for about one hour.  Roll out the dough with a rolling pin, shape the biscuits with your favourite cutters, put them on a baking tin and bake them until golden at 180°.  Enjoy!

Ciambellone allo yogurt di CriCucina :-) Yogurt bundt cake by CriCucina


 

Ciambellone allo yogurt di CriCucinaIn Emozioni Culinarie, a pagina 143, abbiamo dedicato un racconto e relativa ricetta alla nostra amica Cristiana Micaela.  Oggi ha un canale su Youtube chiamato CriCucina, dove spiega ed esegue in modo semplice e veloce tante gustose ricette.  Di tanto in tanto vogliamo proporvi queste golosità da noi rivisitate.   Visto che da poco sono finite le feste mangerecce, non abbiamo realizzato alla lettera il suo ciambellone allo yogurt e cioccolato, tanto bello e goloso, ma l’abbiamo voluto rendere più light.  Quindi al posto del cioccolato abbiamo usato il cacao per farlo variegato, al posto della farina bianca abbiamo messo la farina di farro, perché ci piace tanto, e al posto dello zucchero bianco abbiamo utilizzato quello di canna.

Potete cliccare qui per vederla in azione:

Ovviamente questo non è il primo ciambellone allo yogurt che facciamo, ma la versione di Cristiana Micaela ci ha veramente conquistate per la sua morbidezza, consistenza e gusto.  E’ veramente eccezionale, veloce e facile da preparare… ora non ci sono più scuse per non offrirne a parenti e amici una bella fetta! 🙂

Gli ingredienti:

2 vasetti di yogurt bianco

4 vasetti di zucchero di canna

6 vasetti di farina di farro

1 vasetto e mezzo di olio di semi

2 cucchiai circa di cacao

scorza di un limone non trattato grattugiata

4 uova intere

1 bustina di lievito per dolci

In una grande ciotola versiamo i due vasetti di yogurt, poi usiamo uno dei vasetti vuoti come unità di misura per gli altri ingredienti e aggiungiamo lo zucchero, le uova, l’olio, la farina setacciata, il lievito setacciato e la scorza di un limone grattugiato.  Accendiamo il forno a 175° statico e con l’aiuto di uno sbattitore elettrico montiamo il composto fino a quando diventa chiaro e spumoso.  Prendiamo un terzo del composto e ci aggiungiamo il cacao setacciato per creare il nostro variegato.  Imburriamo e infariniamo uno stampo da ciambella del diametro di circa 26 cm, versiamo il composto bianco e sopra il composto al cacao, facendo due giri con una forchetta per variegarlo. Cuociamo per circa 45-50 minuti, lo sforniamo e lasciamo raffreddare per un pò a temperatura ambiente prima di toglierlo dallo stampo.

**********************************************************

In our book, Food & Friends Italian Style, on page 124, we dedicated a story and recipe to our friend Cristiana Micaela.  Today she has a Youtube channel, in Italian, called CriCucina, where she explains, cooks and bakes simple and quick tasty recipes.  From time to time we want to share these goodies with you, adding our touch.  Since we’ve just come out of the holiday season where we surely all exaggerated a bit with eating sweets, we decided not to follow her recipe of the yogurt and chocolate soft bundt cake to a ‘T’ but  we made it a bit lighter.  We used cocoa instead of chocolate, spelt flour instead of white flour, and brown sugar instead of white sugar.

If you want to see Cristiana Micaela in action click on the link above in the Italian version of this article.  Unfortunately, we couldn’t translate it.

We’ve obviously made yogurt bundt cakes before, but Cristiana Micaela’s version really pleases us because of its softness, consistency and flavour.  It’s really exceptional, fast and easy to make… no more excuses for not making a bundt cake to offer friends and family! 🙂

Ingredients:

2 containers of white yogurt

4 containers of brown sugar

6 containers of spelt flour

1 and ½ containers of vegetable oil

2 tbsps of cocoa

1 grated peel of a fresh organic lemon

4 eggs

16 grams of baking powder

Empty the two containers of white yogurt into a large bowl and use one of the containers to measure the other ingredients.  Add the sugar, the eggs, the oil, the sifted flour, the baking powder and the lemon peel.  Light the oven at 175° and use an electric beater to make a nice, foamy, white batter.  Put about 1/3 of the batter in a separate bowl and add the cocoa to it , you will use it to give the cake the marble effect.  Grease a bundt cake pan, about 26 cm in diameter is ideal, pour the batter into it and put the cocoa-flavoured batter on top, mixing a few times with a fork.  Bake for about 45-50 minutes, allow to cool before taking it out of the pan.

Ciambellone allo yogurt di CriCucina